e-Gov

Il bonus di 500 euro per i professori solo con lo SPID

Uno spettro si aggira per le scuole italiane. Si chiama SPID – Sistema Pubblico per l'Identità Digitale – e sta turbando i sogni dei docenti di ruolo. Quest'anno, infatti, gli insegnanti potranno usufruire del bonus di 500 euro per l'aggiornamento professionale soltanto se dotati di SPID. È la stessa conditio sine qua non imposta ai neo diciottenni per intascare una cifra analoga.

Carta del docente

La piattaforma dedicata a professori ed esercenti – cartadeldocente.istruzione.it – è online da 24 ore. Ci si deve registrare tramite SPID e il borsellino elettronico sarà attivo da domani. Quest'anno – fa sapere il Ministero per l'Istruzione – i 500 euro potranno essere spesi per:

  • l'acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale;
  • l'acquisto di pubblicazioni e di riviste utili all'aggiornamento professionale;
  • l'acquisto di hardware e software;
  • l'iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'Istruzione;
  • l'iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
  • l'acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • l'acquisto di biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell'ambito del piano triennale dell'offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.
racorn Depositphotos
Foto: Racorn / Depositphotos

Il MIUR ricorda che non c'è limite di tempo per dotarsi di SPID che, tra l'altro, non serve solo in questa occasione. L'identità digitale unica permette già oggi di accedere a numerosi servizi online della Pubblica Amministrazione e, nel prossimo futuro, sarà l'unica modalità digitale di relazione tra cittadino ed enti pubblici. Non saremo più costretti, dunque, ad usare user e password differenti per entrare nei siti di INPS, INAIL, comuni, regioni, Asl, scuole, eccetera.

Il Governo sta puntando molto su SPID ma fino a un paio di mesi fa l'iniziativa è stata accolta tiepidamente. Adesso, con i bonus, il numero di identità digitali erogate è in continuo aumento: a settembre erano 90mila mentre oggi sono circa 270mila.

Purtroppo procurarsi lo SPID non è facilissimo, come dimostrano i post sul gruppo Facebook promosso dall'Agenzia per l'Italia Digitale. La procedura potrebbe e dovrebbe essere semplificata, soprattutto quella di Poste Italiane, che è la scelta più gettonata. Da domani comunque sarà attivo un call center interamente dedicato all'utilizzo della Carta per supportare gli insegnanti. I buoni di spesa generati dai docenti daranno diritto ad ottenere il bene o il servizio presso gli esercenti o gli enti di formazione registrati con la semplice esibizione su smartphone o tablet. La stampa del ticket sarà possibile ma non necessaria.

I 500 euro della Carta del Docente potranno essere spesi in qualunque momento, durante tutto il corso dell'anno scolastico. Il nuovo sistema che parte quest'anno consentirà agli insegnanti di avere uno strumento elettronico per effettuare e tenere sotto controllo i pagamenti. E alle scuole di essere alleggerite dalla burocrazia e dalle procedure di rendicontazione.

Per gli enti ed esercenti l'applicazione web prevede una serie di link di approfondimento, domande frequenti e un help desk a supporto della procedura di registrazione. Un esercente o un ente possono registrarsi da oggi in qualsiasi momento, non c'è scadenza.