Spazio e Scienze

Il robot origami biodegradabile per la medicina del futuro

I ricercatori del MIT, dell'Università di Sheffield e del Tokyo Institute of Technology hanno messo a punto un piccolo robot ingeribile che si rinchiude come un origami, e che sarà capace un giorno di guidare fuori dallo stomaco e dall'intestino piccoli oggetti ingeriti accidentalmente, curare ferite interne o somministrare farmaci.

batteryrobot

La ricerca sarà presentata in occasione della Conferenza internazionale sulla robotica e automazione (IEEE) di Stoccolma dal 16 al 21 maggio. In sostanza si tratta di un involucro in materiale biodegradabile piegato come un origami e di un piccolo magnete. Una volta ingerito, la protezione esterna si apre per liberare il contenuto, che agirà in concerto con strumenti esterni.

Al momento il progetto è in divenire ma secondo gli ideatori è promettente e un giorno sarà molto utile nel settore sanitario. Daniela Rus, direttore del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT e co-ideatore del robot, ha spiegato che "per le applicazioni all'interno del corpo c'è bisogno di un piccolo sistema robotizzato controllabile e senza fili".

Il compito per il quale è stato creato il robot è la rimozione di una batteria a bottone inghiottita accidentalmente, un incidente che negli Stati Uniti occorre circa 3.500 volte l'anno e che, se lasciata nello stomaco o nell'esofago, può creare danni ai tessuti. Secondo i ricercatori un robot come questo può guidare il corpo estraneo verso il colon per l'evacuazione.

Il passo successivo, spiega Rus, sarà "aggiungere sensori al robot e riprogettarlo per fare sì che possa agire da solo, senza la necessità di un campo magnetico esterno".