Streaming e Web Service

Italiansubs, sottotitoli “pirata” secondo FAPAV

I sottotitoli dei film pirata sono illegali e lo sono anche quelli non autorizzati applicati a titoli regolarmente scaricati. La conferma giunge dalla FAPAV, la Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali, che ha messo all'indice la community Italiansubs, probabilmente uno dei gruppi più attivi e apprezzati in Italia."La Community Italiansubs è illegale", sostiene Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale della FAPAV. "Quanto realizzato da questa community viola la legge in quanto non in possesso del consenso per realizzare la traduzione in lingua italiana dei relativi dialoghi dei contenuti audiovisivi, generando un danno alle imprese che hanno investito in quel determinato prodotto e alterando il mercato stesso".

italiasubs

Ora, la questione è delicatissima perché se da una parte è difficile rispondere all'accusa di FAPAV – "La Community Italiansubs non valorizza le opere audiovisive! Italiansubs non aiuta a diffondere la cultura della legalità e lo sviluppo sano del mercato dell'audiovisivo!" – dall'altra il loro contributo al successo e alla diffusione dei titoli stranieri in Italia è grandissimo.

Di certo la Community Italiansubs non ha mai chiesto il consenso per la sua attività ai titolari dei diritti. E la disponibilità della sottotitolazione di film e serie TV non ancora distribuite sul mercato italiano genera sicuramente qualche problema ai licenziatari dei diritti. Non solo si ritrovano con prime "non assolute" ma ne pagano poi le conseguenze anche i doppiatori.

"Il mercato dell'audiovisivo oggi ha bisogno di essere sostenuto, la tutela e il contrasto ai comportamenti illeciti risultano fondamentali tanto quanto investimenti e idee creative. Tutti devono fare la propria parte, nel rispetto delle regole e con una visione culturale competitiva e globale. Non ci sono 'supereroi' o nobili fini dietro la pirateria, ma solo grandi danni per il settore audiovisivo e tutti i suoi lavoratori", ha concluso Bagnoli Rossi.

Il riferimento ai "supereroi" è legato al fatto che dal 30 gennaio è nelle sale il film di Franco Dipietro "Subs Heroes" – qui la nostra recensione. Un lungometraggio dedicato alla storia di questa community che in 12 anni ha raggiunto cifre record: ben 500 traduttori e 500.000 iscritti dalla sua pagina Web.

In verità la questione dell'illegalità dei sottotitoli non autorizzati è risaputa. L'anno scorso ad esempio un gruppo di "fansubber" (Stichting Laat Ondertitels Vrij – SLOV) ha tentato di far valere i propri diritti denunciando BREIN, la cugina olandese di FAPAV. La Corte Distrettuale di Amsterdam però ha rigettato ogni richiesta, riconoscendo non solo ai detentori dei diritti ogni potere sui sottotitoli ma anche la legalità d'azione di BREIN nei confronti dei fansubber illegali.

Aggiornamento. Italiansubs ha deciso di rispondere alla FAPAV ricordando che la sua attività non ha fini di lucro e non percepisce alcun guadagno, diretto o indiretto, per i servigi che rende all'utenza.

"Da più di dieci anni la nostra piattaforma online non ospita alcun banner pubblicitario e si sostiene esclusivamente con donazioni dei propri affezionati utenti e col volontariato dei propri traduttori", si legge nella nota che ha spedito a Tom's Hardware.

"Teniamo inoltre a precisare che questa community è ed è sempre stata a favore alla diffusione legale dei contenuti audiovisivi. Italiansubs è nata in un momento in cui il pubblico italiano sentiva l'esigenza di una più ampia varietà dei contenuti, sia doppiati che in lingua originale, e si è sempre posta come obiettivo quello di dare una spinta, per quanto modesta, all'aumento dell'offerta televisiva in lingua originale attraverso i canali ufficiali".

"Offerta che, negli ultimi anni, abbiamo finalmente visto crescere e diventare sempre più competitiva. Ci piace pensare che questo sia avvenuto anche grazie al nostro aiuto".