Tom's Hardware Italia
Fotografia

Olympus OM-D E-M1x, mirrorless micro quattro terzi dedicata allo sport

Olympus OM-D E-M1x è la nuova mirrorless top di gamma con sensore micro quattro terzi, dedicata ai professionisti della fotografia sportiva.

Olympus ha annunciato l’imminente commercializzazione della OM-D E-M1x, una mirrorless con sensore micro quattro terzi che si caratterizza per un colpo robusto con doppia impugnatura, raffica da 60 fps e stabilizzazione ottica del sensore di 7,5 stop, pensata per l’azione e per lo sport. Sarà disponibile a partire da fine febbraio con un prezzo di 2999 dollari.

Si tratta di una fotocamera digitale con lente intercambiabile dedicata ai professionisti della fotografia sportiva e proprio per questo è dotata di soluzioni tecniche all’avanguardia per facilitare la cattura di soggetti in movimento e quindi molto veloci.

Partiamo dal corpo, realizzato in legna di magnesio e tropicalizzato. Integra un grip verticale e dimensioni generose. Tale scelta è necessaria in una fotocamera del genere, in quanto viene usata con obiettivi spesso molto pesanti e ingombranti e un corpo troppo piccolo potrebbe causare difficoltà di impugnatura. Inoltre, permette di poter usare due batterie al suo interno, raddoppiando l’autonomia fino a 870 scatti.

Il corpo permette l’utilizzo in condizioni meteo avverse e a temperature fino a -10°C. Sono stati inclusi anche elementi dissipanti, uno shutter meccanico garantito per 400.000 attuazioni e vari sensori, tra cui GPS, sensore di pressione, temperatura e accelerometro.

Per migliorare l’ergonomia è stato rivisto il layout di tutti i tasti, riposizionati per consentire ai fotografi di gestire tutte le funzioni con una sola mano sia con impugnatura orizzontale che verticale. È presente anche un joystick multifunzione, per gestire i punti di messa a fuoco anche durante l’utilizzo del mirino elettronico. Quest’ultimo è stato migliorato rispetto alle precedenti versioni, con una nuova struttura interna a quattro elementi che permette di avere un ingrandimento di 0.83x e una risoluzione di 2.36 milioni di punti. La latenza è di soli 5 millisecondi mentre la frequenza di aggiornamento di 120 fps.

Sul retro c’è anche uno schermo orientabile su tutte le direzioni con capacità touch e diagonale di 3 pollici.

Il sensore micro quattro terzi ha una risoluzione di 20 Mpixel, con una gamma ISO che varia dai 200 ai 25600, espandibili fino a 64000. La stabilizzazione è molto performante e permette una compensazione fino a 7.5 stop. Il sistema di autofocus è derivato da quello della precedente E-M1 Mark II. Ha 121 punti di messa a fuoco a rilevamento di fase e permette prestazioni molto buone anche in condizioni di scarsa luminosità. Con un obiettivo ad apertura f1.2, è garantita la messa a fuoco fino a -6EV.

Diverse le modalità di utilizzo, tra cui la messa a fuoco continua, che limita però lo scatto in raffica a 18 fps anziché 60, disponibili bloccando autofocus e esposizione automatica e con shutter elettronico. C’è anche la modalità Pro Capture, che permette di catturare 35 frame in modalità RAW, quando viene rilasciato il pulsante di scatto. Una caratteristica molto richiesta dai fotografi professionisti. Interessante anche la modalità Live ND, che permette di controllare su schermo l’effetto di un filtro ND in modo da consentire agli utenti di verificare la resa finale.

Sul lato destro è presente il doppio slot per schede SD in formato UHS-II, mentre su quello sinistro è presente l’ingresso microfono, uscita cuffie, una USB di tipo C che consente la ricarica e il trasferimento dati.

La Olympus OM-D E-M1x è inoltre in grado di registrare video fino al 4K 100Mbps. In questo caso la stabilizzazione dell’immagine si ferma a 5 stop di compensazione. È anche compatibile con l’OM-Log400, ovvero un profilo log desaturato che permette una migliore gestione dei colori in post-produzione e in grado di catturare immagini in slow-motion a risoluzione FullHD a 120 fps.

Stai cercando una mirrorless micro-quattro-terzi sotto i 500 euro? La Panasonic Lumix GX80 potrebbe fare al caso tuo.