Tom's Hardware Italia
IoT

“Pacchi esca” Amazon con GPS per aiutare la Polizia a catturare i ladri

Amazon sta aiutando la polizia USA a ridimensionare il fenomeno dei furti di pacchi, che ormai sembra riguardare milioni di americani.

Rubano i pacchi Amazon lasciati nel portico delle case, ma non hanno fatto i conti con le menti che stanno dietro al più grande e-commerce del mondo. Una vasta operazione di polizia, che sta riguardando la California e altre città come ad esempio Jersey City, Albuquerque e Aurora, sta permettendo probabilmente l’arresto di diversi ladri del “portico”. Ovvero specialisti del furto di pacchi Amazon, spesso lasciati incustoditi dai corrieri negli ingressi delle villette dei quartieri residenziali.

La testata Motherboard ha avuto conferma da una serie di documenti intercorsi tra Amazon e il California Police Department di Hayward di come sia stata gestita almeno una delle “Operation Safe Porch”. In pratica tra novembre e dicembre 2018 sono stati impiegati dei “pacchi esca” con GPS integrato in grado di fornire una localizzazione costante in tempo reale. Amazon ha collaborato fin dall’inizio, poiché nel periodo natalizio il tema era piuttosto sentito.

I documenti hanno svelato che l’azione di intercettazione è stata condotta per quattro giorni alla settimana, per 10 ore al giorno e ha previsto l’impiego di GPS, radio e veicoli sotto copertura. Però non è chiaro quanti arresti siano stati effettuati e neanche se l’operazione prosegua.

La questione di fondo è che secondo le ultime stime di insuranceQuotes.com durante il periodo natalizio circa 26 milioni di americani hanno subito il furto dei pacchi a casa. Praticamente un cittadino ogni 12. Per questo motivo Amazon consiglia l’impiego di campanelli con video-camera integrata oppure la consegna al lavoro, oppure ancora l’uso di cassette con chiave da installare direttamente nei portici.

Un video-campanello wireless a gestione remota può essere molto utile.