Tom's Hardware Italia
Streaming e Web Service

Pirateria online: Torrent in calo, streaming in crescita

Alcuni report dimostrano un calo dell'uso di programmi pirata, a fronte di una netta crescita dello streaming, anche grazie alla diffusione dei mediaplayer.

Secondo l'ultimo report di MUSO, azienda specializzata in questo genere di ricerche, i numeri di accesso da browser via PC fisso a Torrent e altri programmi di condivisione sono in netto calo, mentre quelli da mobile sono sostanzialmente stabili.

Il fenomeno pirateria si sta dunque ridimensionando? Non esattamente, semmai si sta trasformando, spostandosi dai browser ai media player. Secondo MUSO infatti a crescere in maniera esponenziale sarebbe più che altro il traffico generato dallo streaming diretto, ormai giunto al 60,1 %, mentre quello riguardante i Torrent si attesta al 17,8%, di poco superiore a quello indirizzato verso i siti di direct download, a quota 16,5%. Ma i numeri dello streaming potrebbero essere ancora più eclatanti, visto che il report di MUSO non include il traffico generato appunto dai media player.

untitled
Ripartizione del traffico "pirata" da browser desktop
Ultimamente infatti si stanno diffondendo soluzioni come ad esempio Kodi – disponibile su tutte le piattaforme, da Windows a Mac OS, passando per Linux e Android – che, grazie ad alcuni add-on, possono diventare vere e proprie "macchine da guerra" dedicate alla consultazione e all'utilizzo dei siti di streaming pirata.

In generale il 2016 ha visto 191 miliardi di visite a siti pirata, circa 500mila al giorno. Numeri ancora impressionanti ma in calo, come si evince chiaramente paragonando i primi 6 mesi del 2016 con gli ultimi 6.

untitled2

Insomma, sarà interessante continuare a monitorare l'andamento del settore nei prossimi anni ma sembra proprio che il traffico torrent da browser sia destinato a tramontare nel medio termine.