Fotografia

Prestazioni, continua


Pentax K-1 Mark II
Sensore
Full frame
Risoluzione
36,4 Mpixel
Autofocus
33 punti
Processore d'immagine
PRIME IV
Innesto obiettivo
Pentax K, KA, KAF, KAF2 e KAF3, FA
Pagina 6: Prestazioni, continua

La K-1 II utilizza il sistema autofocus SAFOX 12, basato su un sensore AF ad alta sensibilità con un’elevata prontezza di risposta, quando abbinato ad un obiettivo adeguato. Per gestire il lungo percorso ottico richiesto dall’area AF allargata, si è adottato un innovativo ed efficiente progetto ottico nel quale la luce incidente è ribaltata all’interno del modulo AF. Questo modulo AF unisce dimensioni compatte e grande capacità di formare l’immagine.

pentax k 1 II foto articolo 048
Il modulo AF della Pentax K-1 II

La macchina è inoltre dotata di un sensore che rileva il tipo di sorgente di luce e compensa le leggere deviazioni di fuoco che potrebbero facilmente verificarsi con certe particolari sorgenti di luce artificiale.

Si hanno in totale di 33 punti AF per offrire grande libertà nella composizione dell’immagine, di cui 25 a croce, più efficaci nell’inseguire i soggetti.

pentax k 1 II foto articolo 049

Tre sensori centrali sono progettati per rilevare il flusso di luminanza di un obiettivo F2,8 per una MAF di alta precisione.

Il selettore della MAF, manuale o automatica, non si trova sull’obiettivo, ma alla base della baionetta; poco sopra, un pulsante permette di selezionare, mentre si ruota la ghiera posteriore, l’area di messa a fuoco tra:

  • Auto (33 punti AF): la fotocamera seleziona automaticamente l’area AF ottimale basandosi sui 33 punti disponibili.
pentax k 1 II foto articolo 050
La parte destra del display indica l’area di MAF selezionata, in questo caso automatica
  • Selezione zona: si rende disponibile un’area di 9 punti AF, che può essere spostata, all’interno della quale la fotocamera seleziona automaticamente il punto AF ottimale. Il sistema rileva un soggetto posto entro quest’area, ottimizza il fuoco e insegue il movimento – tutto automaticamente.
pentax k 1 II foto articolo 051
Selezionando la MAF a zone, i tasti a croce posteriori ci permettono di spostarla
  • Selezione: si sceglie a piacimento il punto fra uno dei 33 disponibili.

pentax k 1 II foto articolo 052

  • Area AF allargata (S, M, L): come prima, ma se il soggetto dovesse uscire dall’area AF dopo che è stato messo a fuoco, intervengono rispettivamente 9, 25 o 33 punti esterni di riserva.
  • Spot: imposta l’area di MAF sul punto centrale dei 33 disponibili.

pentax k 1 II foto articolo 053

Supportata dal PENTAX Real-time Scene Analysis System, la funzione di inseguimento automatico della K-1 rileva accuratamente il movimento del soggetto in base a vari fattori fra i quali il colore, quindi mantiene il fuoco preciso sul soggetto inseguendolo mentre sposta automaticamente il punto di messa a fuoco.

Nella MAF a rilevamento di fase si può incorrere in fenomeni di front/back focus, per questa ragione la macchina è dotata dell’utile micro-regolazione dell’AF, che può essere applicata ad uno o a tutti gli obiettivi del proprio corredo.

In Live View, con messa a fuoco a contrasto direttamente sul sensore, cambiano leggermente i modi di messa a fuoco: face detection, inseguimento, punti AF multipli (auto), selezione e spot ed è presente il focus peaking per la MAF manuale:

pentax k 1 II foto articolo 054

Con l’obiettivo che ci è stato fornito per la prova, la MAF resta abbastanza rapida per essere a contrasto (fra 0,3 e 0,7 sec.) e viene raggiunta, come prevedibile, a seguito di focus hunting, che aumenta quando le condizioni d’illuminazione diventano critiche. In questo caso, e comunque anche senza l’utilizzo in Live View, interviene spesso l’illuminatore AF entro un raggio di distanza accettabile.

pentax k 1 II foto articolo 055
Il display nella Modalità Live View: si può anche decidere di visualizzare la livella elettronica

Tornando alla MAF tradizionale, nel modo singolo (one shot) nulla da eccepire: buona precisione, grande velocità (lo shutter lag con AF attivo è molto contenuto) e affidabilità, compatibilmente con le caratteristiche dell’obiettivo.

Con i soggetti in movimento, premesso che la K1-II non è una macchina pensata per la fotografia sportiva o naturalistica, abbiamo riportato i risultati nella seguente tabella, dove il soggetto era in corsa verso la camera, il burst rate medio, l’obiettivo a tutta apertura (f/2.8) con tempo di scatto a 1/4000 sec., AF-C.

N.B. Per gli scatti è stato utilizzato l’HD Pentax-D FA 1:2.8 24-70 mm ED SDM WR

Movimento soggetto Area AF Numero di scatti totale Numero di immagini perfettamente a fuoco Percentuale d’immagini a fuoco sul totale
Rettilineo Zona 9 punti  40  24 60 %
Rettilineo Singolo con area AF allargata 9 punti  44  28 64 %
Zig zag Auto  45  13 29 %
Zig zag Singolo con area AF allargata 33 punti 20 5 25 %

L’area di MAF non è particolarmente ampia e quindi il soggetto, se la camera è tenuta fissa, può tendere ad uscire dall’area di copertura dello stesso, ma in questo caso dovrebbe appunto intervenire il sistema con area AF allargata. In ogni caso, la percentuale di scatti a fuoco con il movimento a zig zag è piuttosto basso.

Le capacità di tracking di soggetti in movimento di una pur ottima macchina come la K-1 II, migliorate rispetto al modello precedente K-1, non sono confrontabili con quelle delle migliori concorrenti. Ma, lo ricordiamo, la macchina non è nata con questa pretesa.