Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Solare, Dubai investe 13,6 miliardi di dollari in un impianto da 5000 Megawatt

Nel deserto attorno a Dubai sta sorgendo un colossale impianto solare che, quando terminato nel 2030, produrrà 5000 Megawatt, alimentando 1,3 milioni di abitazioni e abbattendo le emissioni di carbonio di 6,5 tonnellate annue.

Sotto il sole dell’Arabia un colosso sta per svegliarsi: si tratta di un enorme impianto solare dal costo di ben 13,6 miliardi di dollari. Lo sta realizzando Dubai con l’intento di produrre 5000 Megawatt, alimentare 1,3 milioni di abitazioni e abbattere così le emissioni inquinanti di 6,5 tonnellate all’anno.

Annunciato nel 2012 l’impianto fotovoltaico dovrebbe essere completato nel 2030, un progetto faraonico che richiederà dunque tre volte i tempi realizzativi del Burji Khalifa, l’enorme grattacielo che, con i suoi 828 metri, è il più alto del mondo.

Il progetto prevede in tutto sei fasi di difficoltà e ambizione crescente. Le prime due, già terminate, prevedevano infatti l’installazione di 2,3 milioni di pannelli fotovoltaici, per una produzione totale di 213 Megawatt. La fase 3, attualmente in stato avanzato (il completamento dei lavori è previsto nel 2020), aggiungerà altri 3 milioni di pannelli e 800 Megawatt di produzione energetica.

Ma il vero colpo d’ala è rappresentato dalla fase quattro: la realizzazione della torre CSP (Concentrated Solar Power) più alta del mondo. Alta 260 metri, sarà circondata da ben 70mila eliostati, specchi in grado di concentrare i raggi solari su un ricevitore. Il calore sarà poi convertito in energia meccanica tramite un motore termico (nello specifico turbine alimentate dal vapore causato da un flusso di sali fusi ad elevata temperatura) che alimenta un generatore elettrico.

solare_2

Usare il flusso di sali fusi inoltre consentirà alla torre CSP di produrre energia in maniera costante, perché il fluido agirà come un deposito in grado di rilasciare energia anche quando il sole non c’è, ad esempio di notte, reimmettendo così il surplus energetico quando la rete lo richieda.

Ma non è tutto: oltre alla Torre CSP da 100 megawatt infatti nella fase quattro sarà realizzato anche un campo di vasche paraboliche fotovoltaiche (una variante del CSP), in grado di fornire altri 850 Megawatt. Infine ci sarà una quinta fase, che partirà nel 2021, e una sesta, ancora in fase di progettazione, che aggiungeranno installazioni per portare la produzione energetica del parco ai 5000 Megawatt previsti.

Ma l’enorme capacità richiesta è solo parte della sfida costruttiva, l’altra infatti è la resilienza dell’impianto stesso al deserto e alle condizioni ostili. ‎”La sabbia rappresenta una sfida significativa”, ha infatti spiegato via mail alla CNN la DEWA (Dubai Energy and Water Authority). “L’accumulo di polvere sui moduli infatti può ridurre sostanzialmente la produzione di energia”. Per questo il dipartimento governativo ha allo studio particolari rivestimenti per i pannelli, che dovrebbero consentire una pulizia robotizzata a secco, che dovrebbe consentire di tenere semrpe efficiente l’intero impianto in tempi molto brevi.