Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

SpaceX, turisti sulla Luna non prima di metà 2019

I turisti che avevano prenotato un viaggio sulla Luna con SpaceX dovranno rimandare la vacanza almeno alla seconda metà del 2019. Stando a quanto pubblicato dal Wall Street Journal, l'azienda di Elon Musk ha dovuto rinviare i piani che erano stati annunciati nel febbraio 2017, ma che questo non deve suonare come una rinuncia, perché […]

I turisti che avevano prenotato un viaggio sulla Luna con SpaceX dovranno rimandare la vacanza almeno alla seconda metà del 2019. Stando a quanto pubblicato dal Wall Street Journal, l'azienda di Elon Musk ha dovuto rinviare i piani che erano stati annunciati nel febbraio 2017, ma che questo non deve suonare come una rinuncia, perché "sta ancora progettando di far volare passeggeri intorno alla Luna" come ha sottolineato il portavoce di SpaceX James Gleeson.

Al momento non è stata fissata la nuova data di partenza, e non ci sono comunicazioni ufficiali circa i motivi, che però sono facili da supporre. In primo luogo lo sviluppo del Falcon Heavy è in ampio ritardo rispetto alla tabella di marcia che era stata pubblicata a suo tempo: il razzo ha spiccato il primo volo di prova solo quattro mesi fa.

Dragon

In secondo luogo la navicella spaziale Dragon V2 (che avrebbe dovuto iniziare a trasportare equipaggi di astronauti da e verso la ISS nel 2017 al posto della navicella spaziale Soyuz) non è ancora stata abilitata a farlo per dubbi relativi alla sicurezza.

Leggi anche: A bordo della Dragon, la navicella spaziale che sembra una supercar

In buona sostanza nulla di eccezionale, nel settore aerospaziale le sfide tecniche e di produzione sono talmente ardue che uno slittamento dei piani è da mettere in preventivo, soprattutto se le date annunciate sono molto ottimistiche, come nel caso di quelle ipotizzate da Musk.

dvaoiu2w0aeif0r large 32d4c18787a9e60d28eed5e9cdc5a528c

Questo non toglie nulla al fatto che ci sia "un crescente interesse da parte di molti clienti" per il turismo spaziale, come sottolinea il portavoce di SpaceX alla stampa statunitense, e che quindi i piani non sono annullati o sospesi, ma posticipati. Anche perché ci sono due privati ​​cittadini che "hanno già versato un acconto significativo". Non è dato conoscere la loro identità, l'unica informazione certa che abbiamo è che non è nessuno di Tom's Hardware.

A questo punto basta prendere i vecchi piani di sviluppo e aggiornare le date: il turismo spaziale è un passo successivo al trasporto astronauti (salvo ulteriori ritardi) che dovrebbe prevedere un primo volo di prova fra fine 2018 e inizio 2019. Quando i voli di questo tipo saranno avviati verrà la volta dei turisti spaziali, che faranno un giro attorno alla Luna per tornare sulla Terra. Poi si potrà parlare in maniera più concreta di percorrenze spaziali a più lungo raggio.


Tom's Consiglia

Volete saperne di più sulla storia dell'esplorazione spaziale? Leggete Dallo Sputnick allo Shuttle, scritto dall'astronauta italiano Umberto Guidoni.