Telco

TIM scalza Wind Tre nel mercato mobile, ma Iliad fa rumore nelle retrovie

TIM è nuovamente leader del mercato mobile italiano con il 31,2% di share, ma solo considerando le SIM complessive che includono sia quelle del mercato M2M (machine-to-machine) che quelle “umane”. Se invece si guarda al solo segmento “human”, come rileva l’ultimo bollettino AGCOM aggiornato a giugno 2018, è Wind Tre la regina.

Insomma, su 2,4 milioni di linee complessive l’unica certezza è che stanno calando quelle dei normali utenti (-1,7 mln rispetto a giugno 2017) e aumentando quelle pensate per apparecchiature industriali o allarmi o sensoristica (+4,1 mln).

I dati confermano un tracollo per Wind Tre (-1,6% complessivo) e probabilmente considerate le analisi di questi ultimi mesi Iliad potrebbe aver ulteriormente contribuito – che per la cronaca è sbarcata sul mercato il 29 maggio e nel primo mese ha raggiunto quota 370mila. Ad ogni modo solo nel prossimo bollettino AGCOM si potrà sapere nei dettagli il peso del nuovo entrante sul mercato. Si stima comunque che con i suoi circa 2,23 milioni di clienti si possa posizionare alle spalle di Poste Mobile, che vanta 4,8 milioni di SIM “human”.

L’analisi delle operazioni di portabilità degli ultimi 12 mesi ha evidenziato un saldo negativo (tra ingressi e uscite) per Wind Tre (-993 mila unità, -957 mila a marzo) e Vodafone (-243 mila unità, -116 mila a marzo), e positivo per TIM (+145 mila unità, +486 mila a marzo) e per gli MVNO (+725mila unità)

“L’indice di mobilità nel secondo trimestre del 2018 è risultato pari al 18% in linea con quello dello scorso anno”, ha ribadito AGCOM.

Sotto il profilo dei consumi del traffico dati si è registrato un aumento del 60% rispetto allo scorso anno: quelli medi unitari mensili sono di circa 3,63 GB, contro i 2,34 GB del 2017. “Nel secondo trimestre dell’anno, il numero delle SIM con accesso a Internet è cresciuto del 3,5% raggiungendo quota 53,8 milioni di unità”, conferma AGCOM. “Poco meno delll’80% delle SIM che svolgono traffico dati adotta uno specifico piano dati”.