Tom's Hardware Italia
e-Gov

Trump: bisognerebbe fare come in Europa, denaro facile multando i colossi hi-tech

Il Presidente Donald Trump sostiene che l'azione UE contro i colossi tech avvenga per raccogliere denaro, ma anche vi sia qualcosa di fondato sui monopoli.

Il Presidente Donald Trump poche ore fa durante un’intervista rilasciata alla CNBC ha dichiarato che bisognerebbe fare come in Europa: guardare in maniera differente ai monopoli che riguardano i colossi hi-tech. Da una parte ha riconosciuto l’abilità dell’Unione Europea nel saper negoziare con aziende come Facebook e Apple, dall’altra che tutti i miliardi di dollari di sanzioni comminati costringono a riconoscere che sta succedendo qualcosa. Non è un caso in fondo che si sia riaperta un’indagine nei confronti di Google per presunti abusi di posizione dominante nel settore della pubblicità online.

Ottengono tutti quei soldi. Dovremmo farlo – sono le nostre aziende, quindi attaccano davvero le nostre aziende”, ha dichiarato Trump. “Ma dovremmo fare quello che stanno facendo. Pensano che ci sia un monopolio. Ma non sono sicuro che lo pensino. Pensano solo che questo è denaro facile, ‘faremo causa a Apple per 7 miliardi e faremo un accordo o vinceremo il caso”.

In sintesi Trump sostiene che da una parte sia una “brutta situazione” ma anche che stia avvenendo qualcosa in termini di monopolio. La tesi di presidente appare di primo acchito un po’ confusa, ma in verità, tirando in ballo anche il Procuratore Generale nel suo intervento, è come se si augurasse una replica dell’azione europea negli Stati Uniti. Trump ha dichiarato: “Abbiamo un grande procuratore generale. Ci occuperemo di loro in maniera differente”. Tutto insomma potrà essere negoziato. Ma Washington se ne occuperà.

In effetti uno dei temi caldi della campagna elettorale presidenziale, che culminerà con le elezioni a novembre 2020, è proprio l’irrigidimento delle norme che riguardano Google, Facebook, Apple, Amazon e gli altri colossi. E per una volta sia i democratici che i repubblicani sembrano condividere l’opinione che si debba intervenire. La Senatrice DEM Elizabeth Warren è arrivata a finanziare una campagna pubblicitaria a San Francisco con la scritta “BREAK UP BIG TECH”.