e-Gov

Venezuela, è ufficiale la prima criptovaluta di Stato

Il mondo delle criptovalute è in continua evoluzione. Il Venezuela ha avviato oggi la prevendita del petro, la prima criptovaluta di Stato, annunciata lo scorso novembre dal presidente Maduro come soluzione alla violenta inflazione che ha colpito la nazione a seguito delle sanzioni economiche decise da Europa e Stati Uniti. Nello stesso tempo in Israele è stata presa la storica decisione di tassare le criptovalute, considerandole delle proprietà.

Il petro non sostituirà il bolivar, ma nelle intenzioni del presidente venezuelano dovrebbe essere un mezzo per acquistare beni e servizi, e soprattutto per sfidare la "tirannia del dollaro" e far uscire il paese dalla crisi. Questa criptovaluta ha anche un altro aspetto assai interessante: è la prima ad essere garantita, grazie alle riserve venezuelane di petrolio, benzina, oro e diamanti.

maduro JPG
Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro

Se l'esperimento dovesse anche solo parzialmente funzionare molti altri potrebbero seguire l'esempio di Maduro, primo fra tutti il presidente russo Putin. "Putin e Maduro hanno problemi molto simili", ha infatti spiegato Mati Greenspan, senior market analyst di eToro, alla CNBC. "Entrambi dipendono fortemente dal prezzo del greggio, che negli ultimi anni è stato piuttosto instabile. Entrambi hanno problemi con le sanzioni degli Stati Uniti e con il dollaro USA come valuta di riserva mondiale", uno scenario in cui secondo Greenspan ricorrere alle criptovalute potrebbe essere un'idea eccellente.

Leggi anche: Venezuela, criptovaluta di Stato per aggirare le sanzioni?

Nel frattempo, come detto, il Governo israeliano ha confermato che tasserà bitcoin e altre criptovalute, secondo il principio per cui sono da considerare proprietà e non valuta. Secondo un documento circolato già a gennaio i profitti provenienti dalle criptovalute saranno soggetti alle imposte sugli utili di capitale per una quota compresa tra il 20 e il 25%, ‎mentre gli individui che effettuano il mining dovranno pagare un'IVA del 17% oltre a quella sugli utili di capitale.

bitcoin

Insomma gli scenari attorno alle monete digitali sono in costante evoluzione, ma la sensazione è che la finanza tradizionale abbia difficoltà a inquadrare il fenomeno in assenza di garanzie e di regolatori bancari, che sono poi le due caratteristiche distintive delle criptovalute ma anche la principale fonte di rischio, soprattutto per i piccoli investitori.‎