Ibride e Elettriche

Anteprima, Porsche Taycan: difficile trovare un’auto (elettrica) migliore

Quando Porsche annunciò il progetto di sviluppare un’automobile elettrica, in molti storsero il naso. Uno dei costruttori di maggior prestigio nella storia dell’automobile, si sarebbe allontanato dalla propria tradizione per esplorare un territorio del tutto nuovo. Molte incognite; una sfida complessa. Dopo anni di ricerca, il primo modello completamente a zero emissioni prodotto da Porsche ha un nome esotico e particolarmente riconoscibile: Taycan.

Dopo il debutto delle versioni ad altissime prestazioni Turbo S e Turbo, la presentazione di 4S, arriva il turno di ampliare il listino con l’allestimento “base”, alla cui denominazione non è aggiunta nessuna sigla. Porsche Taycan è una berlina con dimensioni da ammiraglia: lunga 4,96 metri, larga 1,97 metri e con un’altezza da terra di soli 1,38 metri. La progettazione aerodinamica è molto sofisticata e ha permesso di ottenere un valore di cx di soli 0,25.

Soluzioni per migliorare l’efficienza che sono state integrate in un disegno della carrozzeria piacevole e che si ispira al passato recente Porsche. Le linee sono particolarmente morbide e tondeggianti; molto arrotondato soprattutto il posteriore, dove si nota la linea a LED che si sviluppa su tutta la larghezza del bagagliaio. Di notte l’effetto scenografico è assicurato. Il colpo d’occhio è riuscito e restituisce dinamismo e fascino.

La zona anteriore si distingue per la presenza dei gruppi ottici impreziositi dai quattro punti luce LED, che brillano come pietre preziose; il cofano anteriore tende verso il basso e ciò enfatizza l’istinto sportivo di Taycan. Guardandola di lato, si apprezza la pulizia d’immagine: nessun virtuosismo estetico, persino le maniglie sono a livello della carrozzeria, il tutto per favorire una migliore efficienza aerodinamica.

Gli interni, invece, non rinunciano a sorprendere e si offrono in una configurazione molto tecnologica e razionale. Il quadro strumenti è curvo e si sviluppa su di uno schermo curvo da 16,8″, le grafiche sono personalizzabili e l’automobilista può scegliere se tenere sott’occhio diversi parametri della vettura, tra cui, a esempio, la navigazione. La risoluzione è molto elevata e anche con i riflessi del sole la visibilità dell’immagine non è mai compromessa.

Il sistema di intrattenimento di bordo si affida a uno schermo tattile da 10,9″: la qualità delle immagini è altissima, le grafiche sono molto accattivanti e la disposizione delle icone intuitiva. Ci si abitua velocemente al suo utilizzo. In opzione è persino disponibile un secondo schermo dedicato al passeggero. Infine, sul tunnel della plancia,  che riprende un’impostazione “aeronautica” sospesa, si trova il pannello di controllo del sistema di climatizzazione.

Si tratta dell’unica soluzione digitale equiparabile alla presenza di controlli fisici: grazie al feedback aptico si ha la sensazione concreta di pressione e la disposizione dei tasti è sicuramente molto ergonomica; si riesce a impostare la temperatura e controllare la velocità di ventilazione senza distrarsi. Porsche ha studiato una soluzione che fosse scenografico e altrettanto ergonomica per l’automobilista.

Rispetto al resto della gamma, la Taycan ha una struttura propulsiva con un unico motore elettrico, collocato sull’asse posteriore. L’auto può essere equipaggiata con due diversi livelli di batteria: da 79,2 kWh (e 326 Cv di potenza) o da 93,4 kWh (380 Cv con potenza di picco di 476 Cv). L’autonomia varia, a seconda della capacità dell’accumulatore, tra i 431 km e i 484 km. Nel corso dell’anteprima, è stato possibile guidare la versione con batteria da 93,4 kWh su di un percorso superiore ai 200 km.

Affrontando i tratti a scorrimento veloce, si apprezza il grande comfort: Taycan è fluida e scorrevole e a velocità di crociera si viaggia in un ambiente molto ben insonorizzato, la sensazione è quella di poter percorrere centinaia di chilometri senza la minima interferenza. Spostandosi su di un percorso misto, l’auto elettrica di Porsche si dimostra sorprendentemente agile e dinamica, si inserisce in curva con grande precisione e rapidità.

La struttura è molto solida, il rollio quasi del tutto assente e si riescono a imboccare i tornanti (anche stretti) senza la minima incertezza. Restituisce enorme sicurezza, lasciando comunque libertà di divertimento all’automobilista: ancorata all’asfalto, grazie all’erogazione istantanea di coppia Taycan consente qualche sovrasterzo di potenza in uscita di curva, per poi riallinearsi in modo ordinato.  La dinamica di guida è esaltata da elementi quali lo sterzo a rapporto variabile (comunicativo come pochi..), al differenziale posteriore a slittamento limitato e a una baricentro più basso di una 911. Considerazioni che si fanno ancor più sorprendenti se si considera il peso della vettura: 2.200 kg. Non si sentono mai.

Menzione d’onore, infine, per l’impianto frenante: i dischi in acciaio sono eccezionali, non si affaticano mai. L’architettura della batteria a 800 Volt consente una ricarica ultra rapida. Nel corso della prova era prevista una sosta presso le colonnine Ionity, che possono erogare corrente continua fino a una potenza massima di 350 kW. Una volta collegata alla rete, Taycan ha assorbito 270 kW, potenza massima sostenibile dalla struttura dell’automobile e ha ricaricato dal 18% all’85% in circa 10 minuti. Il tempo di una sosta comune. Certo: soluzioni così intense rischiano di rovinare l’efficienza della batteria, ma rimangono utili soprattutto quando si intraprendono lunghi viaggi.

Porsche Taycan dimostra di essere la miglior elettrica attualmente disponibile: l’autonomia è ottima, la velocità di ricarica notevole, la dotazione tecnologica ergonomica e di ultima generazione e la dinamica di guida è da incoronare come il riferimento per l’intero segmento. Nonostante non faccia rumore, nonostante non abbia un motore termico, Taycan è una vera Porsche, e una volta arrivati a destinazione, lasciare le chiavi ha lasciato una vera sensazione di malinconia. Prezzi da 86.400 euro.

Porsche Taycan

Taycan, la prima vera full elettrica di Porsche stupisce sotto ogni punto di vista. Nonostante la massa superiore ai 2mila kg, la super berlina tedesca conferma le nostre aspettative dimostrandosi una vettura rapida, precisa ed eccezionale da guidare. Ottimi gli interni in puro stile Porsche anche se la presenza di qualche vano svuota tasche in più permetterebbe un comfort di bordo più elevato. Buono il prezzo della variante avuta in esame, attenzione però agli accessori: il prezzo potrebbe salire velocemente!

Pro

  • La miglior auto elettrica oggi disponibile
  • Eccezionale dinamica di guida
  • Interni scenografici ma ergonomici

Contro

  • Il pozzetto per gli oggetti non è particolarmente profondo
  • In generale sono presenti pochi vani "svuota tasche"
  • Con gli optional il prezzo può lievitare di molto