Tom's Hardware Italia
Auto

Echion: dal 2020 batterie che si ricaricano in 6 minuti?

Echion technologies, una startup fondata da un team di ricercatori di Cambridge, ha annunciato che porterà sul mercato la sua tecnologia di ricarica in 6 minuti nel 2020.

Nonostante le auto elettriche si stiano diffondendo abbastanza rapidamente, i tempi di ricarica sono uno dei fattori che più “spaventano” gli acquirenti. Echion Technologies, startup nata da un gruppo ricercatori dell’università di Cambridge, sembra aver progettato un sistema che permette a qualsiasi tipo di batteria al litio di poter essere ricaricata in tempi davvero rapidi.

La novità potrebbe decisamente condizionare il “futuro” del trasporto elettrico, consentendo di ridurre notevolmente i tempi necessari per ricaricare la propria auto.  Nel dettaglio, la startup propone una nuova sostanza (della quale al momento non conosciamo la composizione) da utilizzare in sostituzione alla polvere di grafite che viene attualmente utilizzata nelle batterie al litio. La segretezza attorno al progetto potrebbe essere dovuta al fatto che, ad ora, un brevetto non sia stato ancora presentato e di conseguenza la tecnologia sia ancora in fase di perfezionamento. Nella totale mancanza di prove è difficile credere alle dichiarazioni di Echion che, logicamente, andrebbero a rivoluzionare il mercato della mobilità elettrica su gomma, non considerando le implicazioni che la ricarica iperveloce avrebbe sul trasporto aereo e navale.

“ Le polveri sono il componente centrale di una batteria al litio. Il nostro è un nuovo tipo di polvere che consente di ricaricare in 6 minuti invece di 45 le batterie delle auto. In questo modo, ricaricare un’auto elettrica sarà semplice come fare rifornimento di carburante” ha spiegato il fondatore  Jean De La Verpilliere.

Inoltre, l’innovazione avrebbe un ulteriore vantaggio da non sottovalutare: è ben noto, infatti, che le batterie quando vengono caricate velocemente potrebbero surriscaldarsi ed esplodere. Secondo quanto dichiarato, con il nuovo materiale invece non ci sarebbero rischi, neppure utilizzando la ricarica rapida.

Nel frattempo, la startup si sta impegnando portando avanti diversi test sul prototipo, con l’intento di poter avviare la commercializzazione già ad inizio del 2020. Una scelta interessante, quella di Echion, in particolare considerando che StoreDot, un’azienda che ha annunciato la medesima tecnologia per il 2022, ha già fornito una convincente dimostrazione della veridicità delle sue promesse.