Auto

I blackout in Cina fanno tremare il mercato delle elettriche

Le interruzioni di corrente in Cina potrebbero intaccare il settore, in espansione, dei veicoli elettrici dal momento che le stazioni di ricarica in alcune parti del paese sono rimaste senza corrente e quindi possibilità di ricaricare le auto. Il blackout, che si è manifestato in più di 10 province, potrebbe sul lungo periodo indebolire ulteriormente l’interesse dei consumatori nei confronti dei veicoli elettrici rallentando ulteriormente la già lenta crescita.

“Nel nord-est della Cina, le auto elettriche sono state accolte con una risposta tiepida per molti anni”, ha affermato Zhang Fan, un broker di assicurazioni auto nella provincia di Jilin. “Le interruzioni di corrente potrebbero ulteriormente sottrarre l’interesse all’acquisto di veicoli alimentati a energia elettrica”.

Dalla scorsa settimana, le interruzioni di corrente nelle province di Guangdong e Jilin hanno causato la sospensione delle operazioni di alcune stazioni di ricarica nelle ore di punta, rendendo alcune auto elettriche impossibilitate a circolare sulle strade. Gli analisti hanno affermato che le interruzioni sono il risultato dell’inasprimento delle forniture di carbone da parte di Pechino e della pressione sui governi locali per raggiungere gli obiettivi di consumo energetico prima della fine dell’anno.

Altre province alle prese con interruzioni di corrente sono Henan, Sichuan, Zhejiang, Yunnan, Heilongjiang, Ningxia e Mongolia interna. Nel nord-est, le province di Heilongjiang e Jilin stanno affrontando un’impennata del consumo di elettricità con l’avvicinarsi della fredda stagione invernale. “È ironico che i veicoli elettrici, che dovrebbero supportare la protezione dell’ambiente, siano vittime degli sforzi dei governi per ridurre le emissioni di carbonio”, ha affermato Eric Han, senior manager della società di consulenza aziendale Suolei con sede a Shanghai. “Alcuni aspiranti acquirenti di veicoli elettrici nel nord-est potrebbero ritardare le loro decisioni di acquisto a causa delle continue interruzioni di corrente”.

Il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato lo scorso settembre che il paese alla neutralità energetica entro il 2060. “La crescente commercializzazione dei veicoli elettrici potrebbe aumentare la pressione sui produttori di energia e sugli operatori della rete nei prossimi anni a causa della crescente domanda di reti di ricarica”, ha affermato Han.

Secondo la China Electric Vehicle Charging Infrastructure Promotion Alliance, alla fine di giugno la Cina aveva 1,95 milioni di stazioni di ricarica pubbliche e private, il 47,3% in più rispetto al 2019. Quasi tre quarti delle infrastrutture sono concentrate nelle 10 regioni più sviluppate come Pechino, Shanghai e Guangzhou. Nei primi otto mesi di quest’anno le case automobilistiche specializzate nell’elettrico, come Tesla, hanno consegnato un totale di 1,47 milioni di veicoli a basse emissioni, come elettriche plug-in. Un aumento del 200% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.