Ibride e Elettriche

Tariffe per la ricarica delle auto elettriche

La mobilità elettrica sta rivoluzionando il panorama dei trasporti, infatti, moltissimi brand del mercato introducono con il passare dei mesi modelli completamente o parzialmente elettrificati che, rispetto alle tradizionali auto con motore termico, portano alcuni vantaggi da non sottovalutare, sia di natura tecniche che di natura economica.

In buona sostanza le auto elettriche possiedono dei motori alimentati da energia elettrica, un fattore che permette di abbattere l’emissione acustica e quella di anidride carbonica. Invece, per quanto concerne gli aspetti tecnici, queste particolari vetture hanno dei costi di gestione notevolmente ridotti, non essendoci componenti soggetti ad usura o manutenzione.

Chiaramente, il passaggio alle automobili elettriche è praticamente scontato, considerando la nuova Direttiva 2019/944/UE. Un passaggio ormai obbligatorio che, prima di compierlo, è necessario conoscere le proprie abitudini su strada (es. chilometri percorsi mediamente in un mese) e il conseguente costo medio mensile di energia elettrica. In questo articolo, per poter darvi un’idea su quelle che possono essere le tariffe flat attualmente in essere in commercio, abbiamo deciso di stilare questa guida all’acquisto sui maggiori servizi di ricarica per auto elettriche.

Le migliori tariffe per la ricarica delle auto elettriche

auto elettriche generiche

Enel X

tariffe_auto_elettriche
Enel X è un’azienda sussidiaria di Enel Energia. Rappresenta il gestore numero uno in Italia perché possiede il maggior numero di colonnine sparse per tutto il territorio nostrano. Le colonne di ricarica godono di una potenza differente, ma generalmente variano dai 22 kW ai 50 kW, mentre supera la soglia dei 50 kW nelle High Power Charger. Il tariffario varia in base al pacchetto scelto e il costo per chilowattora scende con l’aumentare del costo mensile, inoltre è anche presente una soluzione a consumo.

Tariffe Flat Enel X Juicepass
kWh: Costo mensile:
OpenCharge 20 20 kWh 20,00€ (50,00€) fino al 31/03/2022
OpenCharge 50 50 kWh 50,00€ (80,00€) fino al 31/03/2022
OpenCharge 75 75 kWh 75,00€ (120,00€) fino al 31/03/2022

Ionity

tariffe_auto_elettriche
Ionity è un’azienda fondata dai più grandi colossi del mondo delle autovetture, vale a dire BMW, Mercedes, Ford e Volkswagen, di recente si sono aggiunti anche Hyundai e Kia. In Italia, Ionity è una realtà ancora molto piccola, perché conta soltanto dieci stazioni operative. Tuttavia, queste colonnine sono un concentrato di tecnologia, difatti permettono di ricaricare le auto in pochissimo tempo, grazie ad una potenza fino a 350 kW. Tendenzialmente, il prezzo per una ricarica è di 0,79 euro/kWh, tuttavia sfruttando i servizi dei produttori è possibile ottenere una tariffa egevolata.

Tariffe Ionity
Mercedes MeCharge 0,29€ ad ogni kWh
Audi e-tron Charging Service 0,31€ ad ogni kWh
Porsche Charging Service 0,33€ ad ogni kWh
Tariffa a consumo 0,79€ ad ogni kWh

Be Charge

tariffe_auto_elettriche
Be Charge è un fornitore di energia elettrica per auto piuttosto giovane, eppure gestisce uno dei network di ricarica più grandi in Italia, infatti conta ben 2.529 colonnine a corrente alternata da 22 kW. Sebbene si stia progressivamente installando colonnine veloci in corrente continua, questo operatore permette a tutti gli interessati di sottoscrivere ad uno dei suoi piani flat. Le offerte variano di mese in mese, motivo per cui è caldamente consigliato di conoscere per bene le proprie abitudini prima di procedere con il contratti.

Tariffe Be Charge
kWh: Costo mensile:
Be Super 50 50 kWh 20,00€
Be Super 100 100 kWh 38,00€
Be Large 250 250 kWh 90,00 €
Be Electric 500 500 kWh 175,00 €

Duferco Energia

tariffe_auto_elettriche
Duferco Energia rappresenta uno dei migliori fornitori di energia elettrica in Italia perché possiede un’offerta più articolata, rispetto alle altre aziende operanti in questo segmento di mercato. Difatti, la sua proposta include una serie di piani di abbonamento e la possibilità di ricaricare la propria auto con altri operatori grazie alla funzione di interoperabilità, un fattore da non sottovalutare soprattutto durante un viaggio in auto.

Tariffe Duferco Energia
kWh: Costo mensile:
Due Energia Flat 300 kWh 25,00€ + IVA
Offerta 3A 300 kWh 10,00€ per 12 mesi poi 15,00€
Ricaricabile 1 100 kWh 45,00€ + IVA
Ricaricabile 2 200 kWh 75,00€ + IVA
Ricaricabile 3 300 kWh 90,00€ + IVA

A2A

ricarica_auto_elettrica_top
E-moving è il servizio del gruppo A2A, che ha l’obiettivo di ricaricare qualsiasi tipologia di veicolo elettrico. Vanta una vastissima rete di colonnine con oltre 750 punti di ricarica, tutte alimentate con energia rinnovabile al 100%. Questo servizio è disponibile nel Nord Italia, infatti potrete trovare colonnine eMoving nelle seguenti città: Milano, Brescia, Bergamo, Cremona, Sondrio, Tirano (SO), Morbegno (SO), Rovato (BS), Concesio (BS), Monfalcone (GO), Crema (CR), Grumello (BG), Rezzato (BS), Assago (MI), S. Giuliano Milanese (MI), Sedriano (MI), Carugate (MI) e Lumezzane (BS).

Tariffe A2A eMoving
kWh: Costo mensile:
Tariffa flat per consumatori // 30,00€ cad. mese per 4 utenze

Esselunga

ricarica_auto_elettrica_top
Esselunga ha pensato bene di installare in alcuni negozi le colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Il motivo è abbastanza banale, ovvero quello di permette a tutti coloro che possiedono un auto elettrica di ricaricarla durante la spesa. Per poter effettuare la ricarica è necessario utilizzare la tessera RFID, disponibile al box dell’Assistenza Clienti del negozio. Allo stato attuale delle cose, il servizio è totalmente gratuito.

Tariffe Esselunga
kWh: Costo mensile:
Tariffa flat Varie velocità a seconda del punto vendita Gratis per i clienti

Iper

ricarica_auto_elettrica_top
Iper ha recentemente avviato un progetto interessante sulla falsariga di quelli di Esselunga, che permette agli interessati di ricaricare la propria auto elettrica durante una passeggiata nel punto vendita. Al momento ci sono soltanto 31 stazioni di ricarica, distribuite nei punti vendita di: Arese, Grandate, Monza, Portello, Rozzano, Savignano e Varese. Ci sono anche distributori presso i seguendi punti IperStation: Arese, Brembate, Lonato, Montebello, Orio al Serio, Seriate, Cremona, Castelfranco, Verona e Magenta. Al momento non esiste una tariffa flat, ma soltanto a consumo, di conseguenza pagherete solo ciò che effettivamente consumate in termini di energia elettrica.

Tariffe Iper
kWh: Costo:
Tariffa a consumo Varie velocità a seconda del punto vendita //

LIDL

ricarica_auto_elettrica_top
Lidl da sempre promuove la mobilità sostenibile, e per questo motivo ha cominciato un nuovo progetto che porterà all’installazione di nuovi punti per la ricarica delle auto elettrica. Si tratta di unn servizio messo gratuitamente a disposizione dei suoi clienti, sia di giorno che di notte. Attualmente ci sono diversi punti sparsi per tutto il Nord Italia, ma sicuramente le colonnine saranno ben presto anche nel Mezzogiorno.

Tariffe LIDL
kWh: Costo mensile:
Tariffa flat Varie velocità a seconda del punto vendita Gratis

Quale tipologia di tariffa scegliere?

Dopo aver dato uno sguardo ai maggiori servizi per la ricarica delle auto elettriche, è doveroso darvi qualche informazione in più sulla modalità e i costi delle tariffe. Innanzitutto, come avviene nel mercato della telefonia, esistono principalmente due modalità di ricarica, vale a dire:

  • Tariffe Flat
  • Tariffe a consumo

Le tariffe flat son quelle che permettono a tutti gli interessati di ricaricare la propria auto pagando un fisso mensile/annuale per un certo numero di ricariche oppure di energia consumata. Questa formula varia in base all’operatore, alla velocità di ricarica e pure alla tipologia di colonnina. Il costo è tendenzialmente più basso rispetto all’altra formula ma, come specificato, bisogna tenere in considerazione le specifiche della propria auto e l’impianto di ricarica.

Le tariffe a consumo, invece, come facilmente intuibile dal nome stesso, permettono a chiunque di ricaricare la propria automobile pagando effettivamente la quantità di energia prelevata. In questo caso, però, in base al proprio utilizzo e alla propria auto, il costo può essere piuttosto variabile.

Generalmente, consigliamo di sottoscrivere un abbonamento flat per comodità, patto di conoscere le proprie esigenze. Invece, qualora non siate ancora decisi sul da farsi, suggeriamo una tariffa a consumo, cosicché possiate controllare i costi e agire di conseguenza.

Ricarica in stazione o dalla propria abitazione?

È possibile ricaricare le batterie della propria auto direttamente dalla propria abitazione. Per poter sfruttare appieno questa soluzione è necessario possedere un posto auto accanto ad una presa della corrente. I tempi di ricarica sono molto lunghi, per via della limitazione dei contatori domestici; tuttavia, è possibile anche ottenere un aumento della banda da 3,5 kWh a 4,5 o 6, con un conseguente aumento della bolletta dell’energia elettrica (soprattutto nei costi fissi ndR).

Si tratta, insomma, della soluzione più semplice ed immediata. Tendenzialmente è anche quella più economica, ma bisogna tenere in considerazione diversi aspetti come il sovraccarico della propria rete domestica quando l’auto è in ricarica, specie nelle ore diurne quando ci sono diversi grandi elettrodomestici in funzione.