Auto

Renault, ricarica elettrica basata su batterie semi-esauste

Renault e Connected Energy hanno completato la costruzione delle prime due stazioni di ricarica elettrica veloce che sfruttano le batterie giunte a fine vita. Il sistema E-STOR, ampiamente testato da più di un anno nel Regno Unito, ha fatto capolino in due aree di servizio delle autostrade di Germania e Belgio.

Il principio è semplice: le batterie di veicoli elettrici Renault a fine carriera vengono riutilizzate grazie alla tecnologia sviluppata da Connected Energy. E-STOR consente una ricarica a bassa potenza delle stesse, lo stoccaggio energetico e poi la ricarica ad alta potenza dei veicoli. Insomma, si tratta di una soluzione perfetta per le zone che difficilmente potrebbero essere raggiunte da infrastrutture di distribuzione energetica adeguate.

"Stiamo parlando con diverse entità per progetti nel Regno Unito e in Europa, in ottica di implementazione su vasta scala nei prossimi mesi", ha dichiarato Matthew Lumsden, Managing Director of Connected Energy.

 Connected Energy Ltd E Stor and Renault ZOE

Il tema è quello della sostenibilità. Renault nel tempo sta approcciando al problema delle batterie semi-esauste individuando soluzioni non solo per l'ambiente automotive ma anche domestico e industriale. In genere le batterie per veicoli elettrici vengono certificate per una vita operativa di circa 8/10 anni. Renault nella fattispece ha un programma di ritiro e sostituzione per i clienti. Dopodiché le prestazioni non sono adeguate per le esigenze delle auto, ma sufficienti per altri impieghi prima di una vera e propria dismissione.

e-store

"Il Gruppo Renault sostiene lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica, per semplificare la vita quotidiana dei conducenti di veicoli elettrici. L'uso delle batterie di seconda vita negli impianti di ricarica rapida contribuisce al progresso fornendo agli operatori di colonnine soluzioni economiche. Inoltre è un perfetto esempio di implementazione dell'economia circolare", ha dichiarato Nicolas Schottey, Direttore del Programma Batterie e Infrastrutture Veicoli Elettrici del Gruppo Renault.

Da rilevare che la piattaforma E-STOR è perfetta per essere abbinata a impianti eolici e solari, senza contare la perfetta sinergia con le Smart Grid. In pratica si potrebbe ricaricarle nei momenti in cui l'offerta energetica è superiore alla domanda – ad esempio di notte o lontano dai momenti di picco.


Tom's Consiglia

Se siete interessati all'acquisto di auto elettriche o ibride fortemenre scontate potete far riferimento al progetto G.A.I. Qui ulteriori informazioni.