Tecnologia a bordo

Ricaricare l’auto sarà più semplice con questo cavo di Bosch

Il famoso produttore di accessori e componenti ha presentato una soluzione smart e flessibile dedicata a tutti coloro che necessitano di fare il pieno di corrente a casa e alle colonnine. Grazie alla miniaturizzazione dei componenti e all’assenza della scatola di controllo, il nuovo cavo di ricarica della società tedesca punta a diventare il nuovo standard di riferimento per tutti i veicoli elettrici.

Chi ha provato o possiede un’auto elettrica avrà sicuramente constatato quanto siano pesanti e ingombranti i cavi di ricarica posizionati, spesso e volentieri, in vasi appositi ricavati nel baule (anteriore o posteriore). La proposta di Bosch punta a sostituirli tutti fornendo un unico cavo per le prese domestiche e per gli attacchi di tipo 2, disponibili quest’ultimi nelle colonnine pubbliche in corrente alternata. Il cavo ha un peso di poco inferiore ai 3 kg, ossia circa il 40% in meno rispetto agli attuali modelli forniti in dotazione con le auto elettriche.

Nonostante le dimensioni ridotte il cavo, o più precisamente i due connettori, contengono tutti i sensori necessari per ricaricare in sicurezza, come: controllo temperatura, controllo corrente residua e analisi della corrente per evitare possibili sovraccarichi. Bosch prevede di commercializzare il nuovo cavo a partire dalla metà del 2022; si tratta, quindi, di un ulteriore passo in avanti per rendere l’utilizzo delle auto elettriche ancora più accessibile.

Inoltre, per alleggerire i conducenti dal compito di cercare un luogo dove ricaricare il veicolo durante i viaggi, il servizio web di Bosch offre l’accesso a oltre 200.000 punti di ricarica in Europa e la possibilità di pagare l’erogazione della ricarica direttamente con l’applicazione prevista per chi utilizzerà il cavo flessibile. In tema di auto elettriche, è bene ricordare il rinnovo degli incentivi statali dedicati alle versioni 100% batteria e plug-in e la recente apertura per tagliare o limitare i costi di ricarica.