Auto

Skoda Next Level, il piano per ridurre le emissioni del 50% entro il 2030

Skoda ha in mente un piano molto ambizioso – chiamato ‘Next Level’ – per entrare nella Top 5 dei più grandi produttori di auto in Europa, ampliando la propria linea di auto elettriche e in generale riducendo drasticamente le emissioni dell’intera flotta entro il 2030.

Il brand della Repubblica Ceca, oggi di proprietà del Gruppo Volkswagen, punta a offrire soluzioni di mobilità moderne e accessibili, in grado di soddisfare tutte le necessità e di sorprendere i clienti, grazie a 3 macro-obiettivi: espandere, esplorare e coinvolgere.

Dopo il rilascio della Eynaq Coupè 2022, quasi sicuramente Skoda andrà a proporre un crossover di dimensioni ridotte che sarà realizzato sulla piattaforma MEB-Lite di Volkswagen, progettata appositamente per auto elettriche: l’obiettivo per il 2030 infatti è quello di vendere il 50% di auto completamente elettriche.

Nel 2022 Skoda trasformerà tre delle sue fabbriche ceche in poli di produzione dedicati alle auto elettriche e a tutti i componenti necessari a realizzarle: saranno i poli di Mladá Boleslav, Kvasiny e Vrchlabí a cambiare drasticamente la loro attività, per convertirsi alla produzione di auto elettriche. Proprio in queste sedi saranno realizzate le batterie da installare sulle Eynaq iV, ma non sarà la prima esperienza di produzione di batterie da parte di Skoda, che già realizza le batterie per i suoi modelli plug-in hybrid Superb e Octavia.

Oltre agli obiettivi da perseguire sul mercato europeo, Skoda punta a diventare il produttore più diffuso in paesi come l’India, la Russia e nelle regioni del nord Africa entro il 2030: queste zone rappresentano un mercato con un potenziale di 1.5 milioni di vetture vendute all’anno.

Next Level mette insieme tutti questi pezzi e permetterà a Skoda di ridurre del 50% le emissioni gassose della sua flotta di auto entro il 2030, anche grazie ad una produzione di auto più pulita e neutrale a livello di emissioni di co2, grazie al rinnovo dei poli produttivi già iniziato presso la fabbrica di Vrchlabí.