Auto

Tesla dice addio a Nvidia per svilupparsi i chip in casa

Tesla si prepara a dire addio a Nvidia per quanto riguarda la fornitura di chip per la gestione delle funzioni di guida autonoma delle proprie automobili. A confermarlo è stato lo stesso Elon Musk, durante la videoconferenza dell'altro giorno con gli azionisti per comunicare i risultati del secondo trimestre fiscale dell'azienda.

"Abbiamo operato segretamente per gli ultimi 2 o 3 anni" ha detto Musk agli azionisti, "ma è ora di rivelarci pubblicamente". In realtà già lo scorso dicembre durante la AI Conference lo stesso Musk aveva rivelato il progetto e fornito anche alcuni dettagli tecnici.

tesla 1

Sul progetto del resto c'è Pete Bannon, l'ingegnere che nel 2016 ha seguito lo sviluppo del SoC Apple A5. A dicembre scorso Musk inoltre aveva parlato anche di una collaborazione con Jim Keller, responsabile dell'architettura Zen per AMD. Insomma non proprio due tecnici qualsiasi.

Leggi anche: Tesla, conti in rosso ma la Model 3 ha iniziato a ingranare

La maggior parte dei problemi e degli incidenti fino ad ora sono stati legati alle capacità dei sensori e dell'intelligenza artificiale di rilevare correttamente ciò che "vede".

Leggi anche: Tesla Model 3, 1001 km senza pilota e con una sola ricarica

Produrre i chip in proprio dunque potrebbe avere più che altro vantaggi in termini di costi produttivi, ma aiuterebbe anche Tesla a differenziarsi dagli altri produttori di automobili a guida autonoma, sviluppando funzioni ad hoc grazie al completo controllo dello sviluppo dei processori.

Musk ha parlato di un miglioramento drastico rispetto ai chip Nvidia, sebbene non abbia chiarito a quale generazione faccia riferimento, ed ha anche affermato che anche le Tesla già sul mercato potranno essere equipaggiate con la nuova soluzione.