Ibride e Elettriche

Tesla Model 3: ecco come pagarla 14mila euro in meno

Il 21 e 22 giugno ci sarà l’Amazon Prime Day, due giorni ricchi di offerte e sconti a tempo limitato! Per non perderne nemmeno una, date uno sguardo alla nostra pagina dedicata

Nella giornata di ieri, giovedì 17 giugno, sono entrate in vigore le nuove agevolazioni cumulabili della Regione Lombardia dedicate all’acquisto di una nuova auto a basso impatto ambientale.

I fondi a disposizione ammontano a 30 milioni di euro complessivi suddivisi quasi equamente tra chi aveva già fatto richiesta (12 milioni, linea A) e chi la farà nelle prossime settimane (18 milioni, linea B). Il bando è rivolto ai residenti in Lombardia (persone fisiche) che acquistano un’autovettura di nuova immatricolazione (o immatricolata successivamente al 1° gennaio 2020 e intestata a un venditore/concessionario).

La domanda di partecipazione dev’essere presentata sulla piattaforma bandionline per la linea A “Cittadini – rinnova autovetture e motoveicoli 2021” nel caso di acquisto già avvenuto; oppure sulla linea B “Venditori – rinnova autovetture e motoveicoli 2021” nel caso di acquisto non ancora effettuato. A differenza del precedente bando, i cittadini che non hanno ancora perfezionato l’acquisto non dovranno prenotare direttamente le richieste on line ma potranno rivolgersi al concessionario. Per quanto riguarda la linea B solo il venditore/concessionario abilitato alla vendita, nell’ambito del bando, può prenotare il contributo regionale sul portale bandionline, a nome cittadino beneficiario tramite il suo codice fiscale.

L’acquisto deve essere contestuale alla demolizione di una vettura inquinante, quindi a benzina Euro 0, 1 o 2 oppure diesel fino all’Euro 5, della quale si è proprietari da prima del primo gennaio 2020.

Rispetto al precedente bando, i contributi sono stati ridotti del 50% per coinvolgere una platea maggiore. Come per l’ecobonus statale, anche l’incentivo regionale lombardo prevede delle fasce in base alle emissioni. Più in dettaglio:

  • 4.000 euro per auto a zero emissioni (elettrica pura o idrogeno); 2.000 euro (senza radiazione);
  • 2.500 euro per auto con emissioni di Co2 ≤60 g/km e NoX ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, gpl o ibride);
  • 2.000 euro per auto di Co2 ≤60 g/km e con NoX ≤ 126 mg/km (euro 6D-Temp benzina, metano, gpl o ibride oppure euro 6D diesel);
  • 2.000 euro per auto con emissioni 60
  • 1.500 euro con emissioni 60
  • 1.500 euro con emissioni 110
  • 1.000 euro con emissioni 110

Con la radiazione di un veicolo inquinante e l’acquisto di una versione elettrica si può ottenere un cumulo di 14mila euro: 4mila euro regionali, 8mila statali (se disponibili) e 2mila euro obbligatori da parte del concessionario.  Senza radiazione, invece, il “pacchetto” si ferma a 9mila euro: 2mila euro di contributi regionali, 5mila euro statali e 2mila di sconto obbligatorio del concessionario.

Utilizzando tutti gli incentivi è possibile quindi abbattere notevolmente il costo di listino di numerose proposte; ad esempio la berlina di Tesla, la Model 3, è acquistabile ad un prezzo scontato di ”appena” 35.530 euro, circa 14mila euro in meno del valore di listino. Analogamente la Fiat 500e, con tutta la scontistica applicata, può arrivare a costare circa 25mila euro.