Auto

Un altro Urus in fiamme: cosa succede a Lamborghini?

Durante le scorse settimane sono stati riportati alcuni misteriosi incendi avvenuti in Asia che coinvolgono il SUV ad alte prestazioni del prestigioso marchio di Sant’Agata Bolognese. Da qualche giorno, da Taiwan, rimbalzano alcune nuove immagini e filmati riguardanti un Urus di colore nero che prende fuoco a bordo strada a causa, probabilmente, di un cortocircuito. Se confermato si tratterebbe di una vera sorpresa in quanto Lamborghini sicuramente non avrà risparmiato sui moduli aggiuntivi installati a bordo di Urus.

Stando a quanto riportato, il proprietario stava percorrendo la National Freeway 1 quando ha notato del fumo e un principio di incendio provenire dalla zona posteriore, così si è rapidamente fermato e ha abbandonato la vettura. A nulla è servito l’utilizzo dell’estintore in dotazione e l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno potuto soltanto contenere l’incendio e domarlo una volta per evitare che coinvolgesse altri veicoli. Le fonti taiwanesi sono numerose e tutte suggeriscono che l’esemplare andato in fumo avesse appena 8 mesi di vita e che fosse praticamente illibato, senza alcuna modifica da parte del proprietario.

La scorsa settimana un altro Urus, questa volta in Malesia, era andato in fiamme in seguito ad un incidente. Anche in questo caso le dinamiche sono poco chiare ma fortunatamente non ci sono state conseguenze per il proprietario. Un vero peccato vedere il maestoso V8 biturbo da 4 litri andare in fiamme così velocemente, un colpo al cuore per tutti gli appassionati.

Lamborghini e gli enti competenti non si sono ancora espressi a riguardo e di Urus sappiamo che è attesa una nuova variante aggiornata, forse con il nome di Evo, durante i prossimi mesi. Poche le informazioni a riguardo anche se si prevede l’introduzione di un sistema di propulsione simile a quello di Sian e pertanto dotato di una controparte ibrida sempre estremamente potente e prestazionale. Il super SUV continua a trainare le vendite di Lamborghini anche livello globale, con il primo trimestre record che riporta quasi 5.000 unità consegnate; qualche settimana fa Urus ha segnato anche un importante primato di velocità su ghiaccio, con un passaggio a quasi 300 km/h.

Non è la prima volta che riportiamo notizie riguardanti veicoli che prendono fuoco, ci sorprende però scoprire che sia un prestigioso marchio come Lamborghini oggetto dei report.