Ibride e Elettriche

Venturi Antarctica, un veicolo elettrico per le esplorazioni in Antartide

L’azienda monegasca – specializzata nella produzione di auto elettriche – ha svelato Venturi Antarctica, un veicolo elettrico che sarà impegnato nelle esplorazioni in alcune delle zone più inaccessibili e inospitali del nostro pianeta. Infatti, il particolare mezzo – provvisto di cingoli – dovrà esplorare il Polo e, quindi, affrontare il ghiaccio dell’Antartide. Ovviamente, Antarctica rappresenta una vera e propria svolta in questo settore poiché può essere considerato il veicolo per l’esplorazione polare più innovativo pronto ad andare in missione. La sua avventura avrà inizio nel mese di dicembre 2021, con destinazione la stazione di ricerca Princess Elisabeth Antarctic. È bene sottolineare il fatto che, il Principe Alberto II di Monaco – insieme alla Fondazione ad lui legata – hanno reso possibile la realizzazione di questa iniziativa.

Dunque, la casa Venturi, è riuscita a progettare e realizzare il mezzo elettrico che riuscirà a trasportare passeggeri e strumentazione necessari per condurre le ricerche scientifiche in Antartide. Come succede solitamente, per poter attraversare zone così impervie e irregolari – a causa della neve e del ghiaccio -, è necessario avvalersi di veicoli cingolati. Tuttavia, Antarctica, oltre ad avere tutti i presupposti necessari per poter eseguire al meglio il suo lavoro, è caratterizzato anche da un design molto futuristico: le sue linee appaiono molto pulite e lineari e vengono esaltate dal colore arancione della carrozzeria. Sia il design che la carrozzeria, sono nati grazie al designer Sacha Lakic. Ovviamente, per realizzare il cingolato, è stato necessario fare i conti con diversi “problemi”. Infatti, il noto designer ha dovuto tenere conto dell’isolamento termico del veicolo, ma anche delle dimensioni e del peso della batteria e della struttura del tubolare.

Gli aspetti poc’anzi elencati, sono di fondamentale importanza per poter affrontare – nella maniera più sicura possibile – un ambiente tanto inospitale quale l’Antartide. Il particolare veicolo elettrico – grazie alla presenza di sedili ribaltabili – può tranquillamente trasportare sino a sei passeggeri. Antarctica, inoltre, è in grado di resistere – e quindi di garantire prestazioni ottimali – anche a temperature che raggiungono i -70°. Il cingolato esplorativo, è provvisto di due motori elettrici che possono essere ricaricati, non solo utilizzando la corrente elettrica, ma anche con l’ausilio dell’energia solare. In quest’ultimo caso, il veicolo elettrico può essere ricaricato – in 24 ore, in Antartide – di 2 kW. Un importante recupero di energia, è garantito anche dalla presenza dei freni rigenerativi. Ovviamente, le dimensioni e il peso del cingolato sono molto imponenti.

Infatti, Antarctica ha una lunghezza pari a 3,4 metri, una altezza di 2,18 metri e un peso pari a 2,5 tonnellate. Per quanto riguarda invece la batteria, quest’ultima ha una capacità di 52,6 kWh e i due motori a flusso assiale dei quali è provvisto il veicolo sono in grado di sviluppare, ognuno, 60 kW. Per ricarica Antarctica, sono necessarie dalle 2 alle 18 ore, tempo che varia in base al contesto. Per garantire una maggiore sicurezza, dunque una maggiore rigidità dell’intera struttura, il telaio è stato realizzato in acciaio tubolare il quale deriva direttamente da quello solitamente utilizzato sulle più innovative auto da rally. Inoltre, non mancano alcune telecamere di controllo che servono come ausilio a chi si trova alla guida del cingolato elettrico per individuare eventuali ostacoli – laterali e posteriori – che potrebbero trovarsi in fase di manovra