IT Pro

Come gestire l’IT e ridurre i costi energetici

Pagina 1: Come gestire l’IT e ridurre i costi energetici

Il cloud computing, il risparmio energetico reso possibile dalle recenti soluzioni IT e dalle normative internazionali, la virtualizzazione, data center più compatti e un approccio olistico all'IT permettono indubbiamente di disporre di una maggior flessibilità ed ottenere una maggior efficienza dei data center.

Come in tutto ciò che ha a che fare con la tecnologia c'è però il rovescio della medaglia e questo rovescio è costituito dalla necessità di esercitare un monitoraggio, un controllo e una gestione dell’infrastruttura IT molto più attenta e sofisticata di quanto non fosse nel passato e questa esigenza sta ponendo serie sfide per gli amministratori IT.

Quali sono gli aspetti più critici e cosa è possibile fare per affrontarli lo abbiamo chiesto a Marc Salimans, Sales Director di Aten Europe, che in quanto direttore vendite della società ha la possibilità di recepire in prima persona le necessità espressegli dai responsabili dei sistemi informativi.

Marc Salimans, Sales Director di Aten Europe

GS: Quale è il problema che metterebbe al primo posto in un ipotetico cahier de doleance di un manager IT alle prese con risorse risicate e una direzione aziendale esigente?

MS: Metterei di certo una visione olistica dell'IT. In sostanza, indipendentemente dalla piattaforma, dall’interfaccia, dall’ubicazione o dalle dimensioni dell’infrastruttura utilizzata si evidenzia sempre più come i responsabili IT necessitano di una visione a 360° su tutti i processi e non sempre gli strumenti di monitoraggio e di gestione possono fornirla in modo adeguato.

Per aiutare  nella gestione, ad esempio, le nostre soluzioni KVM (Keyboard, Video, Mouse) over IP e le unità di distribuzione dell’alimentazione controllabili a distanza, le PDU, sono integrate e centralizzate nelle soluzioni di connettività e assumono un ruolo importante nella gestione di piattaforme eterogenee. Peraltro, si tratta di un'ampia gamma di prodotti di connettività che vengono adattati alle necessità dei clienti, proprio con l'obiettivo di assicurare flessibilità e complementarietà per l’implementazione e la gestione dell’intera infrastruttura IT.

GS: Mi potrebbe dire in cosa consiste questo aiuto nella gestione e quali ne sono a suo parere i punti salienti?

MS: La piattaforma che abbiamo sviluppato per il controllo centralizzato e la gestione dei computer distribuiti in rete "KVM over IP" è una soluzione che presenta benefici importanti rispetto alle normali soluzioni dei desktop da remoto. In sostanza, non solo consente il controllo in tempo reale dei Pc collegati in rete tramite tastiera, video e mouse in rete o via Internet ma fornisce anche funzioni per la gestione da remoto.

Con KVM over IP siamo in grado di garantire agli amministratori IT la possibilità di accedere agli switch KVM e ai dispositivi collegati, in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo tramite un qualunque web browser o un Pc collegato in rete e di accedervi a livello di BIOS per la risoluzione di qualsiasi problema, tra cui anche la caduta della rete. Attraverso l’accesso da remoto è anche possibile installare i software come ad esempio applicazioni o patch del sistema operativo su tutti i server di una rete completamente decentrata, eseguendo al tempo stesso test diagnostici. In questo contesto, la comunicazione viene anche garantita costantemente tramite l'utilizzo di strumenti di crittografia, autenticazione e autorizzazione per le applicazioni.

Per quanto riguarda la rete aziendale poi, gli switch KVM possono contribuire ad una drastica riduzione dei tempi di risposta. Durante l’installazione di switch KVM infatti, i diversi sistemi operativi dei server non devono essere considerati in quanto il controllo tramite KVM via IP funziona indipendentemente dalla piattaforma o sistema utilizzato. Inoltre, sono sufficienti cavi con tecnologia Cat5 per il cablaggio all’interno dei data center, cosa che semplifica l'installazione e riduce i costi.