Opinione

Storytelling e Neuroscienze: come comunicare in modo efficace facendo leva sulle emozioni

C’è un particolare strumento molto utile a tutti coloro che si occupano di Web Marketing. Un’arma che se ben utilizzata può contribuire a generare il tanto ricercato Engagement portando nuovi visitatori al nostro sito e fidelizzando quelli già acquisiti. Stiamo parlando dello Storytelling, ovvero l’arte di raccontare storie con la scrittura. 

In ambito marketing questo si traduce nella capacità di comunicare qualcosa di utile raccontando storie per colpire a fondo le emozioni del lettore e potenzialmente trovare un nuovi possibili clienti. Abbiamo approfondito il tema con Mick Odelli, in arte Just Mick, Storyteller e Designer di esperienze, che nel corso della sua carriera ha studiato nello specifico la connessione tra Storytelling e Neuroscienze.

Con il suo studio – DrawLight – in origine Mick realizzava contenuti audiovisivi e interrogandosi sul motivo per cui lo facesse giunge alla conclusione che il vero scopo era emozionare le persone. Da lì partono i suoi studi sulle neuroscienze per comprendere meglio come funzionano le emozioni e di conseguenza da semplici contenuti visivi passa a progettare e creare veri e propri percorsi immersivi sensoriali, soprattutto per il mondo del retail. 

La potenza dello Storytelling

Come ci ricorda Mick, tra storytelling e neuroscienze ci sono tanti punti di connessione. Lo storytelling è parte integrante della nostra quotidianità perché come esseri viventi siamo fatti per sopravvivere, mangiare e procreare. Tutto il resto è storytelling. 

A livello di scienze cognitive la parola “storia” è definibile come il modo che ha il cervello per strutturare le informazioni, quindi lo storytelling è potente perché i dati, le statistiche, dati tecnici di un prodotto sono di fatto tutti i numeri e di per sé il cervello non è in grado di ricordarli

Foto generiche

Per questo i sistemi prodotto-centrici – che venivano utilizzati soprattutto in passato – non creano legame perché non trasmettono quel valore aggiunto che serve al cervello per ricordare e riportare alla memoria le informazioni. Attraverso lo storytelling creiamo una struttura narrativa che va ad unire e associare tra loro le nozioni che vogliamo trasmettere permettendo così al nostro ascoltatore di interiorizzarle.

Saper comunicare bene quindi ci permette di entrare in sintonia con il pubblico. È stato dimostrato infatti che quando le persone conversano, si sincronizzano tra loro le regioni cerebrali adibite all’apprendimento e alla registrazione dell’esperienza. Infatti quando raccontiamo una storia, nel nostro ascoltatore si attivano le nostre stesse aree cerebrali. Questo meccanismo, ci dice Mick, si chiama “Neuro Coupling”.

Di fatto quando raccontiamo stiamo compiendo una magia perché ogni storia, già dal c’era una volta, attiva in noi un mix di sostanze chimiche – come cortisolo, endorfina e dopamina – che ci permettono di agganciarci alla narrazione per farci sentire come i protagonisti creando a tutti gli effetti un’esperienza immersiva

Non solo contenuto 

Uno degli aspetti più importanti, non solo nello storytelling ma che incide anche sul tipo di valore che diamo alle cose e quanto ci sentiamo immersi o presenti in un discorso è il contesto. Oggi soprattutto, in cui anche chi non fa video di professione si espone molto in video, uno degli aspetti alla base di una comunicazione efficace risiede nella capacità di creare attorno a sé un contesto che sia consono – o almeno non opposto – alla nostra figura e al messaggio che vogliamo trasmettere

Perché è vero che il contenuto conta ma anche la forma in cui lo comunichiamoL’immagine coordinata nel mondo del marketing e della comunicazione è molto importante perché è un’estensione di noi e quindi dobbiamo imparare ad applicare questo concetto anche alla nostra persona. Più noi coinvolgiamo i nostri sensi, e quelli del nostro pubblico, in maniera completa più le informazioni vengono memorizzate a lungo termine. Se vogliamo offrire un’esperienza memorabile è importante utilizzare quanti più strumenti possibile.

La comunicazione è la chiave. La comunicazione è la consegna del messaggio, puoi anche avere il prodotto o servizio più il bello del mondo, ma se non arriva a destinazione è come se neanche esistesse.ù

Scopri il calendario completo e come essere sempre aggiornato sulle nuove dirette cliccando su questo link