Parchi divertimento

Covid: Etnaland e Caribe Bay quest’anno non apriranno

I parchi tematici italiani stanno per riaprire, con tutte le norme di sicurezza del caso ed a regime ridotto. Ma ai parchi acquatici quest’anno va peggio, e non poco. Iniziano infatti ad arrivare le conferme da parte di parchi che non apriranno, e non si parla di strutture piccole, ma di punti di riferimento nel panorama dei parchi acquatici in Italia. Parliamo di Etnaland e Caribe Bay che salteranno completamente la stagione 2020 e riapriranno nel 2021.

Caribe Bay quando l’emergenza covid è degenerata a Marzo, era un cantiere. Per questa stagione erano previsti importanti lavori di riqualificazione e miglioramento dell’area bambini e servizi alle famiglie con interventi invasivi su buona parte del parco. I cantieri come sappiamo si sono dovuti fermare, quindi Caribe Bay si è ritrovato con l’estate alle porte ed un parco non nelle condizioni di accogliere persone. Da qui la chiusura è stata inevitabile.

Caribe Bay

Un altro parco importante che non aprirà è Etnaland. Situato alle pendici dell’Etna, con i suoi 17 acquascivoli, fiume lento, quattro piscine e tre attrazioni acquatiche di alto livello è il parco con l’offerta più vasta d’Europa. Si estende su 100.000 mq ed ogni anno, sono necessari tre mesi di preparazione e manutenzione in vista dell’apertura. Tempo che quest’anno non c’è stato. Non avrebbe avuto senso sostenere grosse spese senza la certezza di poter riaprire. Da un punto di vista legislativo, seguendo la normativa nazionale sulle piscine, si sarebbe potuta azzardare un’apertura, anche se un parco acquatico con le misure anti covid, come la distanza dentro le vasche, od ancora quella sulla sulla distanza nelle file sarebbero state estremamente restrittive ed a seconda dello scivolo impraticabili, sempre con l’incognita di un flusso di persone insufficiente a coprire le spese. Altro fattore che va considerato è il turismo, sul quale Etnaland conta molto, ma anche da questo punto di vista non c’è certezza sulla ripresa dei flussi turistici, ed anche qualora avvenisse, sarebbero comunque molto limitati. Quindi quest’anno, purtroppo va così.

Colossum e Titania

Ma non sarà così per tutti. Se altri parchi acquatici come Carrisiland e Mirabilandia Beach hanno deciso di non aprire, alcuni hanno già confermato che anche se in ritardo apriranno, come nel caso di Caneva Aquapark (13 Giugno) e gli Acqua Village di Cecina e Follonica che riapriranno a Luglio, ma non è stato specificato il giorno.

Acquistare online i biglietti di un parco garantisce solitamente uno sconto e permette di saltare indesiderate file all’ingresso! Ecco dove prendere i biglietti per il parco Mirabilandia  ed anche l’ingresso a parco + Hotel…   il tutto comodamente da casa ed a portata di un click!