Tom's Hardware Italia
Libri e Fumetti

Stephen King trasformerà la sua casa in un museo

Il consiglio comunale di Bangor, nel Maine, ha approvato la richiesta di Stephen King di trasformare la sua casa in un museo e un rifugio per gli scrittori.

Non lasciatevi ingannare dal cancello di ferro decorato con ragni e pipistrelli, perchè Stephen King spera di trasformare la sua magione a Bangor, nel Maine, in un posto più accogliente.

Questa settimana, il consiglio comunale di Bangor, nel Maine, ha approvato la richiesta dei coniugi King di rimodernare la loro dimora vittoriana per un uso no-profit. Il loro scopo è rendere casa loro una sorta di archivio delle loro opere e un rifugio per gli scrittori.

I due possiedono ben due case, al di là del cancello: la prima servirà a ospitare un massimo di cinque scrittori e farà da “studio”, per poter terminare le proprie opere; la seconda, invece, fungerà da archivio personale e sarà gestito direttamente dalla Stephen and Tabitha King Foundation, diventando un vero e proprio museo, sui racconti dei due autori.

La città di Bangor, nel Maine, è onorata di essere la prescelta dove saranno custoditi i beni culturali significativi degli autori Stephen & Tabitha King“, ha dichiarato Sarah Nichols, presidente del Consiglio comunale di Bangor, alla CNN in una nota. “I Fan e gli appassionati di horror si mettono davanti ai cancelli per scattare foto di fronte a essa

In un saggio del 1983 pubblicato dalla Bangor Historical Society, King scrisse che all’inizio sospettava che la casa non lo approvasse.
Il salotto sembrava sempre freddo, in un modo che aveva poco a che fare con la temperatura“, ha scritto. “Il gatto non andava in quella stanza; i bambini la evitavano. Mio figlio maggiore era convinto che ci fossero fantasmi nelle torri“.

Bangor è stata d’ispirazione per la città immaginaria di Derry, una parte della topografia del Maine che King ha inventato.
La città è stata descritta in molti dei suoi romanzi e storie (nonchè trasposta al cinema e in TV), tra cui “IT“, “Insomnia” e più recentemente “22/11/63“.

Non vi è ancora una data annunciata per l’avvenuta conversione della casa in museo, ma chi fosse intenzionato a diventare uno scrittore di romanzi horror dovrebbe iniziare a prepararsi, per poter scrivere nel luogo dove una volta dormiva Stephen King e nel quale sono nati alcuni dei più terrificanti racconti di sempre.

Potete trovare la prima parte della nuova trasposizione di IT in BLU-RAY a questo link.