Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Case e PC Completi

Acer Revo Cube RN76, un mini PC elegante per la quotidianità

Abbiamo usato per qualche giorno il mini PC Acer Revo Cube RN76, precisamente il modello che si può rintracciare con l'identificativo DT.BB3ET.002 a un prezzo di circa 285 / 290 euro nel momento in cui scriviamo.

Revo 02
Clicca per ingrandire

È un computer così compatto che si tiene praticamente nel palmo di una mano, con un'altezza di circa 5,5 centimetri (116,6 x 112 x 55,6 mm) e che non produce assolutamente rumore. Malgrado non sia completamente passivo – c'è infatti una piccola ventola nella parte inferiore – anche sotto carico estremo (caso peggiore) la temperatura non raggiunge mai vette troppo alte.


All'interno di un ambiente a 18 °C, il processore del mini PC ha mantenuto circa 45 °C in stato idle, arrivando a 65 °C sotto massimo carico. Un valore non eccessivo, riflesso dalla rumorosità ridotta ai minimi termini, tant'è che per sentire la ventola abbiamo dovuto appoggiare l'orecchio alle feritoie presenti sulla scocca.

Revo 06
Clicca per ingrandire

Dal punto di vista hardware l'Acer Revo Cube che abbiamo provato offre una CPU Intel, più precisamente un Celeron 3865U, un processore Kaby Lake a 14 nanometri. Si tratta di un dual-core privo di Hyper-Threading, che opera 1,8 GHz e ha un TDP di 15 watt. Questo processore integra una GPU Intel HD Graphics 610 con 12 EU (Execution Unit) con una frequenza fino a 900 MHz.

Revo 08
Clicca per ingrandire

La GPU integrata è molto importante in un prodotto come questo perché non è sostituibile e non si può inserire una scheda video dedicata. Quindi avrete già capito tutto: non è un prodotto per giocare. Certo, se si parla di giochi che girano nel browser allora sì, magari giochi vecchi o molto "statici", ma giochi complessi 3D scordateveli, malgrado il supporto DX12. Abbiamo fatto girare il benchmark Unigine SuperPosition a 720p con dettagli bassi ottenendo un risultato di 1276 e un frame rate medio sotto i 10 fps.

Revo 03
Revo 04
Revo 05
Revo 07

La GPU è importante perché vi permette di visualizzare contenuti a risoluzione 4096×2304@24Hz tramite connettività HDMI, ma c'è anche una DisplayPort (4096×2304@60Hz). Per quanto riguarda l'engine video, questa architettura supporta H.265/HEVC Main10 con colori a 10 bit e il codec VP9 di Google può essere decodificato via hardware. Potrete quindi vedere la stragrande maggioranza dei contenuti multimediali senza problemi.

All'interno del mini PC, oltre alla CPU Celeron, ci sono 4 GB di memoria DDR4, ma è possibile espanderla fino a 16 GB. Nel nostro modello c'è un SSD mSATA da 64 GB (si può montare una soluzione da 2,5 pollici) e connettività sia wireless (802.11ac e Bluetooth) che Ethernet. Il Revo Cube è dotato anche di due USB 3.1 Gen2.

Nella confezione, insieme all'alimentatore da 65 watt, c'è spazio anche per un mouse e una tastiera, entrambi di colore bianco e dai connotati standard: funzionali a permettere di usare da subito il computer al primo collegamento, ma privi di qualsivoglia orpello.

Il Revo Cube è molto solido e nella sua semplicità riesce anche a farsi piacere, con le due feritoie laterali. È quindi un discreto oggetto di design, ma se non volete lasciarlo a vista nella confezione c'è anche il supporto VESA per metterlo dietro una TV/monitor.

Revo 09
Revo 10
Revo 11
Revo 12
Revo 14
Revo 15

Per quanto riguarda il sistema operativo a bordo troviamo Windows 10 Home, quello che ormai tutti conosciamo, accompagnato da una schiera di software Acer preinstallati, la versione di prova di un antivirus Norton e il browser Firefox. Gli appassionati storceranno il naso, ma chiaramente non è un prodotto loro: a 290 euro è un mini PC per chi vuole navigare, leggere le email e vedere qualche contenuto multimediale e usare programmi come Office. Nulla più.

Revo 13
Clicca per ingrandire

Acer Revo Cube è quindi destinato a un pubblico di persone ampio, fuori dai giocatori e chi chiaramente deve lavorare pesantemente con il computer. Il dual-core ha i suoi pregi quanto a temperatura e conseguente rumorosità, ma mostra un po' il fianco quando si aprono diverse schede del browser e altri programmi in contemporanea. Un processore con quattro core e una frequenza leggermente più alta non sarebbe stata un'idea così malvagia, ma è qualcosa con cui si può convivere.

MonitorAcer 04
Clicca per ingrandire

L'abbiamo provato con il monitor Acer H277HU, un 27 pollici IPS WQHD (2560 x 1440) 16:9 con tempo di risposta di 4 millisecondi GTG e refresh rate a 60 Hz. Un monitor che grazie al pannello IPS offre un discreto contrasto e angoli di visione ideali e che non si fa mancare le principali opzioni di connettività, tra cui ritroviamo HDMI 2.0, DisplayPort e tre USB, di cui una in standard 3.1 Type C, che possono anche ricaricare dispositivi mobile. Permette di fare tutto, anche giocare, ma collegato a un PC più potente.

MonitorAcer 01
MonitorAcer 02
MonitorAcer 03
MonitorAcer 05
MonitorAcer 06

Arriviamo quindi al punto finale. È un prezzo sensato? Acer ti dà un PC funzionante chiavi in mano a circa 280 euro, che ti permette di navigare online, vedere contenuti multimediali e fare lavoro leggero con programmi Office.

A noi sembra un prezzo tutto sommato adeguato. Tra l'altro è pure espandibile per quanto riguarda SSD e RAM. Chiaramente non è un prodotto per smanettoni, ma lo vediamo come PC casalingo o per qualche esercizio commerciale o ufficio. Certo una CPU quad-core sarebbe stata l'ideale, ma detto questo il Revo Cube si fa apprezzare per immediatezza ed sobrietà.