CPU

AMD porta Kaveri nel settore embedded: la nuova serie R

Il cosiddetto mercato embedded ha fatto registrare nel 2013 qualcosa come 232 milioni di chip venduti, per un giro d'affari complessivo di 9,1 miliardi di dollari tra chip x86 e ARM, che detengono una quota combinata dell'83% (dati VDC Research).

Cosa si intende con embedded? Tante cose, che abbiamo sotto gli occhi più spesso di quanto pensiamo. Ad esempio parliamo delle slot machine situate nei bar o nei casinò, ormai sempre più avanzate e multimediali. Oppure il settore della segnaletica digitale, che gli esercizi commerciali usano per mostrare le loro offerte, invogliando potenziali clienti a entrare in negozio. E poi c'è il mondo dei thin client. Potremmo andare avanti all'infinito.

Si tratta quindi di un mercato in forte espansione, con tassi di crescita che per diverso tempo faranno segnare numeri positivi. Un'occasione da sfruttare per tutte le aziende del settore hi-tech, specie quelle che hanno maggiori difficoltà ad affermarsi in ambiti più maturi. Insomma, una possibilità di business per AMD.

La casa di Sunnyvale, nei giorni scorsi, ci ha spiegato la sua strategia, che non è fatta solo di microchip (roadmap) ma anche di partnership come quella con Mentor, di investimenti in ogni direzione e di un'espansione della forza vendite nel mondo embedded. Tutto però inevitabilmente parte dall'hardware ed è per questo che vi parliamo delle APU della serie R.

La nuova serie R si basa su "Bald Eagle", nome in codice che identifica una gamma di APU dotate di core x86 Steamroller con GPU integrata Graphics Core Next, tutte con TDP tra 17 e 35 watt. Insomma, abbiamo a che fare con le stesse fondamenta delle APU Kaveri che formano la serie A in ambito desktop.

Secondo AMD le soluzioni R sono in grado di offrire fino al 55% in più di prestazioni 3D rispetto alla famiglia precedente, e fino al 44% di prestazioni in più se confrontate con la grafica integrata di Intel presente nella CPU Core i7-4765T (quad-core con Hyper-Threading, da 2 a 3 GHz, HD Graphics 4600). Numeri ancora più alti per quanto concerne le capacità di calcolo x86, con un +46% sulle soluzioni Intel comparabili e un +66% rispetto ai chip R di precedente generazione.

Avendo a che fare praticamente con un'APU Kaveri rivista e corretta, AMD punta anche in questo settore su HSA, acronimo di Heterogeneous System Architecture. L'azienda statunitense ha progettato la propria APU in modo che CPU, GPU e altri componenti possano lavorare in armonia su un unico pezzo di silicio, distribuendosi i carichi di lavoro – seriali o paralleli – a seconda di quale sia l'unità migliore per portarli a termine.

Tutto questo serve per dire, in parole più spicciole, che la GPU può farsi carico di operazioni non grafiche, accelerandole in modo marcato. L'azienda non ci ha svelato le esatte caratteristiche delle APU Bald Eagle, ma spulciando nella documentazione che ci è stata fornita sappiamo che c'è un modello chiamato RX-427BB, con TDP di 35 watt, ed è stato usato da AMD come soluzione di confronto per ottenere i dati prestazionali citati nei paragrafi precedenti.

AGGIORNAMENTO. Siamo riusciti a reperire le specifiche dei singoli prodotti. Sono elencate qui di seguito.

Clicca per ingrandire