Accessori PC e Gaming

Arozzi tiene d’Occhio la vostra privacy con questa webcam

L’anno appena trascorso ha costretto un gran numero di persone a lavorare da casa, con tutti i problemi che conseguono da un telelavoro forzato e non organizzato a dovere. Una diretta conseguenza della situazione causata dalla pandemia è stata (ed è tutt’ora) l’organizzazione di un gran numero di videoconferenze, per sostituire le classiche riunioni che prima si facevano in ufficio e, più in generale, qualsiasi evento che fino al 2019 era fatto dal vivo.

La necessità di partecipare a diverse videochiamate ha portato le persone a dotarsi di una webcam, acquistando uno dei tanti modelli disponibili in commercio. In molti però si sono subito posti delle domande riguardo la propria privacy e i rischi che si corrono collegando una webcam al PC: dal momento che i microfoni e il sensore si controllano via software, è possibile cadere vittima di attacchi informatici che sfruttino questi dispositivi per entrare in possesso di informazioni o dati sensibili.

È proprio su questo aspetto che si è concentrata Arozzi, marchio già noto nel mondo dei videogiocatori per sedie gaming, scrivanie e accessori, che con le nuove webcam Occhio e Occhio RL ha introdotto la funzione True Privacy, che protegge la privacy di giocatori, streamer e lavoratori grazie ad alcuni accorgimenti. Ma come funziona True Privacy?

Di norma, le webcam (esterne o integrate che siano) si affidano a funzionalità software per disattivare il video e i microfoni. Con la funzione True Privacy invece Arozzi ha inserito uno slider fisico che disattiva i microfoni aprendo fisicamente un circuito, di modo che possano essere riattivati solamente richiudendo il circuito stesso. In questo modo, se anche un malintenzionato dovesse riuscire ad accedere al vostro PC e successivamente alla webcam, non potrebbe in nessuna maniera sfruttarla per origliare le vostre conversazioni.

Per quanto riguarda il video, la soluzione implementata da Arozzi è più semplice, ma altrettanto funzionale: la webcam Occhio include una copertura della lente magnetica, perfetta per proteggere la privacy e decisamente migliore del nastro adesivo che capita di vedere in certi uffici, o perfino sui laptop di personalità di spicco come Mark Zuckerberg.

Se da un lato Arozzi si è concentrata molto sul difendere la privacy dei propri utenti, dall’altro non ha dimenticato qual è l’uso principale di una webcam. l’Arozzi Occhio è disponibile in due modelli, uno classico e uno con Ring Light integrato, che permette di avere sempre un’ottima illuminazione senza il bisogno di comprare luci aggiuntive grazie alla luminosità regolabile e a tre diverse temperature colore. I Ring Light li conosciamo bene, sono uno degli strumenti più usati da streamer, vlogger e influencer: illuminano in maniera uniforme, riducono le ombre e danno risalto agli occhi, migliorando nettamente la qualità dei contenuti prodotti.

L’Arozzi Occhio è facilissima da installare, grazie alla clip da monitor e alla vite da ¼ di pollice per montarla su un cavalletto, inoltre permette di fare video in 1080p a 30 FPS ed è dotata di autofocus. Queste caratteristiche, insieme alla capacità di regolare in automatico e in maniera intelligente l’illuminazione e alla possibilità di usarla in maniera Plug and Play, senza bisogno di software proprietari aggiuntivi, la rendono un’ottima soluzione per tutti gli streamer o lavoratori in smart working che sono alla ricerca di una webcam di qualità che tenga in forte considerazione la privacy. Nel caso aveste la necessità di modificare le varie impostazioni della webcam, Arozzi rilascerà un software dedicato entro metà ottobre, che consente di regolare l’immagine secondo le proprie preferenze ed esigenze. Qui sotto vi lasciamo una preview di quello che offrirà il programma.

Le webcam Arozzi Occhio e Occhio RL sono disponibili all’acquisto direttamente sul sito ufficiale, al prezzo di 79 euro per la versione “base” e di 129 euro per quella con Ring Light.