Tom's Hardware Italia
Software

Bit.ly diventa a pagamento, minimo 700 dollari al mese

Da ottobre il servizio bit.ly diventa a pagamento e si parla di cifre molto alte. Si parte infatti da 700 dollari al mese. Chi vorrà restare con la versione gratuita avrà a disposizione un massimo di 500 URL personalizzati al mese, dopodiché potrà usare quelli standard.

Bit.ly, il popolare servizio per accorciare gli indirizzi URL e crearne di personalizzati, ha deciso di dare una pesante svolta commerciale. A partire dal primo ottobre infatti Bit.ly diventa molto più costoso, mentre la versione gratuita sarà limitata a 500 indirizzi al mese.

bit ly mail

La novità riguarda ovviamente chi fa un uso professionale del servizio, ma andrà a influenzare moltissime società in tutto il mondo che finora hanno usato bit.ly a prezzi ragionevoli. L'azienda ha infatti fissato il prezzo minimo a ben 695 dollari al mese.

Chi volesse continuare a usare la versione gratuita avrà quindi 500 indirizzi personalizzati al mese (come per esempio http://toms.it/1Kx1buV). Superato tale limiti tutti gli indirizzi saranno del tipo standard (http://bit.ly/1Kx1buV), mentre le altre funzioni (statistiche) dovrebbero restare come adesso.

È una mossa relativamente sorprendente da parte di una web company come bit.ly, che nel corso degli ultimi anni si è imposta come leader nel proprio settore – un settore che di fatto bit.ly si è inventata da zero. La cosa curiosa è che la concorrenza non manca, e anche se gli altri non offrono forse la stessa qualità di certo non costano 700 dollari al mese. A questo punto saranno i clienti a decidere se sono disposti a pagare o se preferiranno rivolgersi a qualcun altro.