Software

Chrome potrebbe usare meno RAM grazie a “Tab Freeze”

Google Chrome è un browser indubbiamente affamato di risorse e su Windows occupa molta RAM in base al numero delle finestre/schede aperte e alle estensioni installate.

Google deve lavorare sulla gestione delle risorse di Chrome e da tempo sta applicando e pensando a correttivi in merito. L’ultimo in ordine di tempo si chiama Tab Freeze, e ha fatto capolino sulle ultime build Canary del browser con l’obiettivo di migliorarne leggermente le performance.

Google Chrome offre già una funzione chiamata Tab Discarding, ovvero “scarta schede“, che monitora l’utilizzo delle tab e sospende quelle inutilizzate. Questa funzionalità migliora le performance del sistema e controlla l’uso della RAM, ma sino ad un certo punto: ed è qui che entra in gioco Tab Freeze.

La nuova funzionalità permetterà agli utenti di gestire la sospensione delle schede. “Tab Freeze consentirà di congelare le schede inutilizzate da più di 5 minuti” secondo quanto affermato da Google.

Al momento Chrome Canary consente di attivare Tab Freeze nelle seguenti modalità: abilita, abilita senza sblocco, abilita congelamento (scongela la scheda per 10 secondi ogni 15 minuti) e disabilita.

Se attivo, Tab Freeze congelerà automaticamente le schede aperte ma inutilizzate; è possibile testare questa funzione scaricando l’ultima versione Canary di Chrome, sebbene tale versione potrebbe presentare dei bug, essendo un “laboratorio” di sviluppo.

Tab Freeze potrebbe fare capolino nelle versioni stabili di Chrome entro fine anno.

Se il tuo PC è a corto di memoria RAM ti consigliamo queste Corsair a 3000 MHz, veloci e a buon prezzo.