Tom's Hardware Italia
COLPACCIO

Frank Azor lascia Alienware dopo oltre 20 anni: futuro in AMD?

Il cofondatore di Alienware lascia Dell dopo oltre 20 anni: potrebbe diventare il primo Chief Gaming Officer di AMD.

Frank Azor, cofondatore, vicepresidente e general manager di Alienware ha annunciato l’addio all’azienda – attuale divisione gaming di Dell – dopo oltre 20 anni.

Al momento non c’è la conferma sul suo impiego futuro, ma secondo indiscrezioni sarebbe pronto a entrare in AMD con il ruolo di Chief Gaming Officer.

In tale veste Azor dovrebbe riportare direttamente a Sandeep Chennakeshu, di recente diventato vicepresidente della divisione Computing and Graphics business group.

La notizia è senza dubbio interessante, dato il ruolo che Azor ha rivestito nel mondo del PC gaming.

Lascerò Dell il 3 di luglio per abbracciare una nuova sfida. Poco più di 21 anni fa incontrai un gruppo di lunatici che avevano un’idea che chiamavano Alienware. Quando li ho incontrati ed ho capito la società che provavano a costruire, pensai tra me e me ‘questo potrebbe essere il lavoro più figo del mondo'”.

“Avevo ragione, ma nessuno di noi avrebbe mai sognato che il brand arrivasse così lontano – ed è un risultato di tutti voi, del vostro duro lavoro e della vostra passione”.

“Quindi, sì, lasciare è dura. Ma lo faccio con fiducia sapendo che il talento qui è il migliore dell’industria e porterà questa azienda ancora più lontano”.

Il presunto ingresso di Frank Azor nelle fila AMD potrebbe riservare delle sorprese. Qualche anno fa AMD aveva ad esempio mostrato un progetto molto ambizioso, forse troppo: Project Quantum, un computer compatto davvero molto potente.

Project Quantum aveva un case fatto a mano, un alimentatore esterno, un waterblock personalizzato e ben due GPU Fiji (una coppia di Fury X) per una potenza di 17 TFLOPS. Purtroppo non arrivò mai sul mercato, anche se AMD non ha mai dichiarato ufficialmente la chiusura del progetto.

L’arrivo di Frank Azor potrebbe quindi portare l’idea di AMD finalmente a compimento? Staremo a vedere, anche se ci aspettiamo ben altro. Nel frattempo rimaniamo in attesa di un annuncio ufficiale.