Schede Grafiche

NVIDIA-ARM, le autorità inglesi aprono un’inchiesta

Quando è diventato pubblico che NVIDIA era in trattativa con ARM per un’acquisizione, diverse persone sono state colte di sorpresa, tra cui il co-fondatore di ARM, Hermann Houser, che ha definito l’accordo un “disastro”. Quando le trattative sono andate a buon fine, altri hanno espresso la loro apprensione per l’effetto della fusione nel settore e ora, pochi mesi dopo, stando a quanto riferito da AP News, le autorità britanniche stanno indagando sull’acquisto da 40 miliardi di dollari per preoccupazioni inerenti alla concorrenza.

Nvidia copertina

ARM è stata acquistata da NVIDIA da Softbank, che l’aveva precedentemente acquisita nel 2016 per 32 miliardi di dollari, ma ARM non è riuscita a soddisfare le aspettative degli investitori. Tuttavia, a differenza di Softbank, NVIDIA ha molti concorrenti che lavorano con le tecnologie ARM, motivo per cui l’accordo è soggetto a un controllo così intenso. La compagnia ha promesso di mantenere la neutralità di ARM e il suo modello a licenza aperta, ma non tutti sono disposti a fidarsi della sua parola.

Avendo ARM sede nel Regno Unito, è la Competition and Markets Authority che sta attualmente indagando sull’accordo. Tuttavia, a causa di preoccupazioni normative anche da parte dell’UE, degli Stati Uniti e della Cina, ARM afferma che l’accordo probabilmente non sarà completo fino all’inizio del 2022.

Nvidia ARM deal

Andrea Coscelli, Chief Executive della Competition and Markets Authority, ha affermato, ai microfoni della BBC:

L’industria dei chip vale miliardi ed è fondamentale per molti dei prodotti che utilizziamo maggiormente nella nostra vita quotidiana. Lavoreremo a stretto contatto con altre autorità garanti della concorrenza in tutto il mondo per valutare attentamente l’impatto dell’accordo e garantire che alla fine non si traduca in prodotti più costosi o di qualità inferiore per i consumatori.

ARM realizza architetture di chip, concedendo in licenza i progetti a diverse terze parti. Tra i licenziatari di ARM ci sono Apple, Samsung, Broadcom, Qualcomm, Huawei HiSilicon, la stessa NVIDIA ed altri ancora. Anche l’ultimo chip M1 di Apple contiene tecnologia ARM e la preoccupazione maggiore risiede nel fatto che la proprietà di ARM da parte di NVIDIA potrebbe dare alla società californiana troppo potere sui suoi concorrenti.

ASUS ROG Strix GO, cuffia da gaming wireless con cancellazione del rumore e compatibile con PC, Mac, Nintendo Switch, Xbox e PlayStation, è disponibile su Amazon.