CPU

PULPino, il microprocessore open dell’Alma Mater di Bologna

Si chiama PULPino, ed è un microprocessore open source basato su architettura RISC-V creato dai ricercatori dell'Alma Mater di Bologna insieme al Politecnico di Zurigo. "PULPino mira a rendere accessibile a una vasta comunità di utenti la realizzazione a basso costo di microcontrollori ad elevate prestazioni", riporta una nota dell'Università.

pulpino imperio
Die di PULPino, nome in codice Imperio

"Per fare cosa? Le possibilità sono innumerevoli: applicazioni indossabili, come braccialetti elettronici e abiti smart, capaci di acquisire ed analizzare battito cardiaco, contrazioni muscolari e movimenti, monitorando così in tempo reale lo stato fisico dell'utente, oppure applicazioni in ambito di comunicazione da macchina a macchina, la cosiddetta Internet of things, o ancora interfacce uomo-macchina intelligenti portabili o indossabili, come comandi vocali o gestuali, oppure sistemi di realtà aumentata", conclude la nota.

PULPino – dove PULP sta per Parallel ultra low power – è frutto del lavoro di un team coordinato dal professore dell'ETH di Zurigo Luca Benini. Questo chip RISC-V a 32 bit ha una singola unità di calcolo anziché un cluster con quattro elementi come il progetto PULP. Si tratta di un un'implementazione in-order con pipeline a quattro stadi che opera a 400 MHz con una tensione di 1,2 V. Il chip consuma 32,8 mW.

PULPino ha passato la fase di tape out a gennaio, con processo a 65 nm CMOS di UMC. La piattaforma PULPino è disponibile per simulazione RTL, per FPGA e SoC. Ha supporto completo al debug e include un port di FreeRTOS.

"Vi sono molti esempi recenti di hardware open source, ma l'uso è limitato dai diritti esclusivi di commercializzazione e da clausole di non concorrenza", ha affermato il professor Benini. "Il nostro sistema, tuttavia, non ha nessun vincolo quando si tratta di licenze", al contrario di altri prodotti open source come per esempio Arduino. Per questo il progetto dovrebbe attirare piccole e medie imprese europee ed è già in uso presso altri istituti svizzeri e la Cambridge University.

Intel Core i7-6700 Intel Core i7-6700
  
Intel Core i5-6600K Intel Core i5-6600K