CPU

Recensione Gigabyte Brix GB-BXi7H-5500 Mini PC

Gigabyte Brix GB-BSi7H-5500

 

Il Gigabyte Brix GB-BSi7H-5500 è un mini PC compatto con CPU Core i7 e con numerose opzioni di connettività, grazie al supporto Thunderbolt 2 e al chip NFC. In modo simile all'Intel NUC, è venduto senza RAM, supporto d'archiviazione e sistema operativo.

Gigabyte Ultra Comapact PC CM w 180

Introduzione

Oggigiorno i notebook riescono a includere CPU Core i7 in dispositivi dal peso inferiore a un chilo e mezzo, con schermo, tastiera e batteria ad occupare spazio. Quanto può essere piccolo un desktop di pari potenza? Gigabyte prova a dare una risposta a questa domanda con il Brix GB-BXi7H-5500, un mini PC che pesa meno di mezzo chilo ed è grande come un toast farcito, con al suo interno una CPU Intel Core i7-5500U a 2.4 GHz, diverse porte per la connettività e supporto alla tecnologia NFC.

Con queste dimensioni e potenza, il Brix è ideale per essere usato come PC home-theater, come sistema per le soluzioni lavorative in cui si ha poco spazio a disposizione (chioschi e punti vendita) o come computer multifunzione per chiunque non sia un gamer esigente. Tuttavia, come nel caso degli Intel NUC, il mini PC di Gigabyte è venduto senza supporto d'archiviazione, RAM o software. Un dettaglio che lo rende più adatto agli appassionati di tecnologia e meno consigliabile alla massa.

Design

Nonostante entrambe le aziende ci abbiano detto di aver concepito i loro sistemi indipendentemente, il Gigabyte Brix GB-BXi7H-5500 è quasi identico a uno dei mini PC Intel NUC, con la stessa forma rettangolare, il pulsante d'accensione metallico rotondo e le due porte USB nella zona frontale. Anche le attraenti griglie d'areazione laterali sono identiche. Tuttavia, il NUC ha pannelli color argento, mentre quelli del Brix sono neri. Inoltre, il pannello superiore del NUC può essere rimosso e sostituito, mentre quello del Brix non è rimovibile e include il chip NFC.

Il Brix è uno dei PC più piccoli sul mercato, pesa meno di mezzo chilo con RAM e SSD mSATA installati, e misura 10,6 x 11,4 cm. È disponibile nella versione alta 3,3 cm, che supporta un singolo drive mSATA, e nel modello alto 4,5 cm che aggiunge uno slot SATA da 2,5 pollici, per usare due drive contemporaneamente.

Gigabyte Ultra Comapact PC G04

Il prodotto oggetto dei nostri test è quello con un design più alto rispetto ai suoi "fratelli", e in alcuni mercati è disponibile soltanto la versione più bassa con CPU Core i7, o in alternativa con Core i3/i5 e un vano da 2,5 pollici. In confronto, l'Intel NUC è leggermente più largo, mentre altri mini PC come l'HP Stream Mini Desktop 200-010 e il Mac Mini sono significativamente più grandi.

Il Brix è così piccolo che potete collegarlo al retro di un monitor, usando il supporto incluso che funziona con qualsiasi schermo compatibile con lo standard VESA (la maggior parte dei display). Anche il NUC offre questa possibilità, a differenza dei prodotti della concorrenza.

Porte e connettività

Il Gigabyte Brix GB-BXi7H-5500 include numerose porte per essere un sistema così piccolo. Il pannello frontale ha due connettori USB 3.0 e un jack da 3,5 mm per le cuffie e il microfono, mentre il retro ospita l'aggancio Kensington, una mini DisplayPort, un HDMI, una porta Ethernet e altre due porte USB 3.0, che portano il totale a quattro.

Gigabyte Ultra Comapact PC G03

Grazie alle sue due porte video, il Brix può collegarsi fino a 3 monitor indipendenti: uno tramite HDMI e/o fino a tre con la mini DisplayPort, usando un hub. Il suo chip grafico Intel HD 5500 integrato può gestire segnali 4K verso un singolo schermo o 2K su due display.

All'interno il GB-BXi7H-5500 ospita l'adattatore Intel Wireless AC3160, che permette di collegarsi ai router 802.11ac e dispositivi Bluetooth 4.0 (o inferiore) come i mouse wireless.

NFC

Il Brix può contare anche su un chip NFC installato nel pannello superiore, un dettaglio che gli altri mini PC non includono di default (i pannelli di terze parti in arrivo per il NUC potrebbero includere questa tecnologia). Grazie all'NFC potete configurare il vostro computer in modo da farlo interagire con altri dispositivi o tag posizionati direttamente sopra di esso. Quando ho impugnato uno smartphone Android e l'ho posizionato a circa un centimetro di distanza dal computer, il dispositivo ha cominciato a vibrare e mi è apparsa una notifica per sincronizzare l'URL del sito che stavo visitando. Dopo aver dato l'OK sullo smartphone, sul PC è apparsa una domanda per ricevere (o meno) il contenuto. Quando ho dato la conferma, Windows ha aperto il browser di default con il sito corretto.

Gigabyte Ultra Comapact PC G02 w 600

Anche se l'NFC è in grado di funzionare con qualsiasi software compatibile, Gigabyte ha la sua utility, che permette al chip di abbinarsi fino a 8 diversi tag o dispositivi NFC e quindi di avviare programmi o siti web quando si avvicinano i prodotti al coperchio. Tuttavia non sono riuscito a far funzionare l'utility con due smartphone diversi che ho testato.

Componenti necessari e costi

Il Brix GB-BXi7H-5500 è venduto senza supporto d'archiviazione, RAM o sistema operativo, quindi la prima cosa che dovete fare è aggiungere questi elementi da soli. A meno che non abbiate già i componenti necessari, aspettatevi di spendere circa 250 euro. Il Brix richiede un kit da 8 GB (2 x 4 GB) di RAM DDR3 SODIMM da 1,25 Volt, che si può trovare online a una cinquantina di euro. Il sistema può supportare fino a 16 GB di RAM (circa 100 euro).

Il mini PC di Gigabyte usa gli SSD mSATA, che costano un'ottantina di euro per le versioni da 128 GB o circa 120 euro per i modelli da 256 GB. Se il vostro Brix ha lo slot da 2,5 pollici potete optare per un SSD da 2,5 pollici, che dovrebbe costare più o meno la stessa cifra, o aggiungere un capiente drive meccanico per l'archiviazione dei dati. Un hard disk da 1 TB costa circa una sessantina di euro.

Se avete intenzione d'installare Windows al posto di Linux potete comprare una copia OEM di Windows 8.1 spendendo circa 110 euro.

Installazione e setup

Accedere agli slot sulla scheda madre è semplice, basta svitare la sezione inferiore del sistema e rimuoverla. All'interno ci sono due slot DIMM per la RAM, una porta mSATA per gli SSD e un connettore standard SATA da 6 GB/s che può collegarsi a un drive da 2,5 pollici. Aggiungendo un disco da 2,5 pollici, lo si può agganciare al supporto fissato sul pannello inferiore. Per inserire due banchi di RAM e un SSD Intel da 240 GB ci abbiamo messo appena un paio di minuti.

Gigabyte Ultra Comapact PC G01

Dopo aver collegato uno schermo, un mouse e una tastiera al Brix, avrete bisogno d'installare il vostro sistema operativo. L'installazione tipica di Windows 8.1 impiega circa 20 minuti.

Prestazioni

Con la sua CPU Intel Core i7 5500U di quinta generazione e una frequenza di 2.4 GHz (fino a 3 GHz in modalità turbo), il Gigabyte Brix BXi7H-5500 è più che veloce per le operazioni complesse lato CPU come la codifica video, la riproduzione di video 4K, l'elaborazione di grossi fogli di calcolo e il multitasking. Ogni operazione eseguita sul mio sistema di test era veloce e fluida, a prescindere dai programmi attivi in background.

Durante la riproduzione di un video 4K in un'altra finestra, sono riuscito a decodificare un trailer di 2 minuti e 30 secondi dalla risoluzione Full HD a 720p in soli 58 secondi usando Windows Movie Maker. Ci sono voluti 11 secondi in più per la stessa operazione usando l'Intel NUC515RYK con CPU Core i5-5200U. Nonostante questo dispositivo sia più silenzioso rispetto alla maggior parte dei desktop e dei notebook, occasionalmente ho sentito il rumore della ventola, di cui non mi sono accorto usando il NUC.

Con Geekbench 3, che misura le prestazioni complessive, il Brix ha ottenuto 6425 punti, di più rispetto al NUC Core i5, al Mac mini Core i5 e all'HP Stream mini 200-010 con CPU Celeron. Il Brix, come il NUC, usa un processore notebook dual-core da 15 watt e non uno desktop da 35 watt. Per questo motivo il Lenovo ThinkCentre M83 Tiny, che sfrutta una CPU desktop quad-core Intel Core i5 4590T a 2 GHz, ha totalizzato un punteggio più alto (8522). Tuttavia, l'M83 pesa più del doppio del Brix, ed è quasi due volte più lungo e più largo.

brix geekbench

Il Brix è un maestro in ambito produttivo e ha impiegato solo 3 minuti e 31 secondi per completare il nostro test di elaborazione di un foglio di calcolo, che consiste nell'abbinamento di 20.000 nomi con i loro indirizzi usando Open Office. Un tempo replicato esattamente dal ThinkCentre M83 e che batte il NUC di oltre 30 secondi, mentre il Mac mini insegue a più di un minuto di distanza.

brix spreadsheet

La velocità di trasferimento file del Brix varia in base all'SSD che si decide d'inserire nello slot mSATA. Tuttavia, l'ultima generazione dei mini PC Intel NUC usa l'interfaccia M.2 che supporta gli SSD PCIe x4, molto più rapidi. Con un SSD Intel 525 da 240 GB il Brix ci ha impiegato appena 33 secondi per completare il nostro test di trasferimento file, che consiste nel copiare 4,97 GB di file multimediali misti.

Stiamo parlando di una velocità di trasferimento di 154,2 MBps, molto meglio del ThinkCentre M83 e del Mac mini che abbiamo testato, entrambi con dischi rigidi tradizionali. Tuttavia, usando un SSD Samsung XP941 PCIe X4 con il NUC abbiamo ottenuto un risultato di 308,8 MBps

Grafica

Il Brix BXi7H-5500 integra il processore grafico Intel HD 5500, capace di gestire  titoli di fascia media con le impostazioni automatiche. Il sistema è riuscito ad ottenere un framerate stabile di 39 FPS quando abbiamo giocato a World of Warcraft in Full HD con le impostazioni di default, 13 FPS meglio del NUC con Core i5 e molto meglio del Mac mini o del Lenovo ThinkCentre M83 Tiny. Tutttavia, il gioco non è riuscito ad andare bene quando abbiamo pompato al massimo gli effetti speciali.

brix wow w 600

Con 3D Mark Ice Storm Unlimited, un benchmark sintetico che misura le prestazioni grafiche, il Brix ha ottenuto un buon punteggio di 61.718, oltre il 50% meglio rispetto a quanto riscontrato con il NUC e il ThinkCentre M83.

brix 3dmark

Configurazioni

Il BXi7H-5500 è disponibile online a un prezzo che si aggira intorno ai 680 euro, mentre con circa 570 euro si può comprare il GB-BXi7-5500, senza la lettera 'H'. Quest'ultimo è identico al sistema che abbiamo testato, tranne per l'assenza dello slot da 2,5 pollici e per le dimensioni, visto che è 7,6 mm più corto.

Con 350 euro potete comprare il modello GB-BXi3H-5010, con CPU Core i3 e senza slot da 2,5 pollici o NFC. Il tour della gamma si conclude con il GB-BXi5H-5200, che al prezzo di 450 euro rappresenta un buon compromesso fra il rapporto costo/prestazioni, grazie alla CPU Intel Core i5-5200U e al supporto per i drive da 2,5 pollici. Questo modello non include il chip NFC.

Conclusioni

Il Gigabyte Brix BXi7H-5500 e il BXi7-5500 offrono una buona potenza di calcolo e opzioni di connettivitià in un prodotto abbastanza piccolo da adattarsi a qualsiasi spazio, sulle vostre scrivanie o all'interno di un mobile nel vostro salotto. I mini PC Intel NUC hanno un design molto simile, supportano SSD più veloci (grazie alla porta M.2), sembrano più silenziosi e hanno un pannello rimovibile, ma devono fare i conti con la mancanza del chip NFC e con l'assenza di un modello con CPU Core i7, almeno per ora.

Chi è poco appassionato di tecnologia o fa particolare attenzione al budget non dovrebbe orientarsi verso il Brix o il NUC, visto che entrambi richiedono di comprare RAM, SSD e sistema operativo separatamente, aumentando il costo totale dell'investimento a oltre 750 euro. Gli utenti business dovrebbero considerare il Lenovo ThinkCentre M83 Tiny desktop, che può contare su una buona assistenza e su un processore desktop. Tuttavia, se volete le prestazione di una CPU Core i7 in un dispositivo compatto, il Brix dovrebbe essere in cima alla vostra lista.