Tom's Hardware Italia
CPU

Ryzen, 35% di prestazioni in più con World of Warcraft

AMD ha annunciato di aver lavorato sull'ottimizzazione di World of Warcraft e di aver ottenuto fino al 35% di prestazioni in più con le CPU Ryzen.

AMD ha collaborato con Blizzard per ottimizzare le performance dei suoi processori Ryzen in World of Warcraft, il celebre MMO dell’azienda di Irvine che conta più di 5 milioni di giocatori sparsi per il mondo.

World of Warcraft è uno degli MMO più famosi e giocati di sempre, ma più passa il tempo più il peso degli anni inizia a farsi sentire, soprattutto se consideriamo come il gioco riesce a sfruttare l’hardware che ha a disposizione – CPU in particolare.

Per chi ama il titolo questo fattore è sempre stato un problema fondamentale: avere dei cali di fps all’interno di una zona affollata non è mai piacevole. Se poi si è giocatori competitivi, un framerate instabile durante una fase particolarmente concitata di un raid potrebbe fare la differenza fra la riuscita e il fallimento della missione.

Grazie al lavoro di AMD, il titolo di Blizzard è ora in grado di usare meglio core e thread dei processori con più di quattro core. Queste migliorie dovrebbero essere visibili già nella patch 8.1 Battle for Azeroth: Tides of Vengeance, disponibile dallo scorso 11 dicembre.

A risoluzione 1080p con DirectX 12 e un livello di qualità dell’immagine impostato a 10, l’ottimizzazione multithread effettuata da AMD permette di ottenere fino al 35% di prestazioni in più. I test sono stati fatti su una piattaforma costituita da MSI B450 Gaming Plus, Ryzen 5 2500X, 16 GB di RAM DDR4-3200 e una scheda video GTX 1080 con driver aggiornati alla versione 389.82.

Con questa configurazione si è passati dai 43,2 fps registrati prima della patch a 58,1 fps. La stessa configurazione con un Ryzen 7 2700X passa da 42,7 a 58,2 fps, un aumento del 36%. Questo incremento di prestazioni non può che fare piacere ai giocatori, che finalmente possono smettere di preoccuparsi (almeno in parte) dei colli di bottiglia del processore causati da una cattiva ottimizzazione e iniziare a girare nelle nuove capitali Boralas e Dazar’alor senza troppi cali di framerate. 

Se siete vecchi giocatori che vogliono dare una nuova chance all’intramontabile titolo Blizzard, potete recuperare Battle for Azeorth su Amazon.