Computer Portatili

Surface Cloudbook, Microsoft punta alle scuole

Microsoft potrebbe aver deciso di entrare di prepotenza nel settore dell'istruzione statunitense con il nuovo Surface Cloudbook. Infatti il 2 maggio l'azienda di Redmond terrà una conferenza a New York. L'argomento sembra essere per lo più incentrato su prodotti e servizi pensati e realizzati per poter essere utilizzati nelle scuole. È quindi lecito pensare che il nuovo dispositivo andrà a competere direttamente con i Chromebook di Google, che in quel settore stanno riscuotendo un ottimo successo commerciale, almeno negli Stati Uniti, mentre com'è noto da noi in Italia l'interesse per questi dispositivi non è mai decollato.

surface pro 4

Sebbene non ci siano conferme ufficiali, ci sono alcuni indizi che portano a questa idea innovativa per l'azienda. Il nome Cloudbook al momento non è associato a nessun prodotto fisico Microsoft. Secondo quanto scoperto da un utente Twitter, la nuova offerta Office destinata a studenti ed insegnati sullo store si collega ad un link molto indicativo anche se al momento non funzionante: ms-windows-store://collection/?collectionid=cloudbook.

Inoltre, sempre dal punto di vista software, ci si aspetta l'arrivo di Windows 10 Cloud. Si tratta di una particolare versione del sistema operativo in grado di installare applicazioni, sia Win32 che Universal Windows Platform Apps, soltanto dal Windows Store. Il vantaggio di tale scelta risiede nel fatto che Microsoft fornirà questo sistema ad un prezzo contenuto o addirittura in forma gratuita, ma non ci sono ancora conferme in merito. 

surface book

Per quanto riguarda l'hardware invece, le fonti indicano che il sistema sarà basato su un processore con architettura ARM, molto probabilmente il Qualcomm Snapdragon 835, ma si entra nel campo delle pure ipotesi. Va anche considerato che Microsoft quest'anno rinnoverà la propria gamma di dispositivi presentando il nuovo Surface Pro 5 e il Surface Book 2. Per mantenere una linearità nei prodotti offerti, questo Cloudbook molto probabilmente apparterrà alla famiglia Surface. In questo modo, Microsoft potrà affiancare a dispositivi pensati per la produttività quelli destinati allo studio.