Storage

Synology presenta DiskStation Manager 4.2 e parla d’Italia

Synology, azienda molto conosciuta nel settore dei NAS in diversi paesi, prova a sfondare anche sul mercato italiano. Al CeBIT di Hannover abbiamo parlato con la product manager Chloé Bordas, la quale oltre a mostrarci delle principali novità esposte alla fiera (nel filmato presente in questa news), ci ha svelato alcuni dettagli interessanti sull'azienda e il suo l'andamento lungo lo Stivale.

Per prima cosa è meglio ricordare che Synology ha base a Taiwan, ma è presente anche nel Regno Unito, in Germania e negli Stati Uniti. Da circa un anno la filiale francese dell'azienda si occupa del mercato italiano, dove in un anno la quota di mercato è cresciuta del 45%, per un giro d'affari di 1,5-2 milioni di euro.

L'obiettivo è quello di migliorare e Chloé Bordas è sembrata molto fiduciosa, anche se il principale concorrente è temibile e ben radicato: si tratta di QNAP. A oggi i prodotti Synology sono distribuiti da Brevi, Ingram Micro, Serel, SQP, Sidin e Vise.

Tra i prodotti Synology che vanno per la maggiore abbiamo il DS212J e la gamma più acquistata è quella "+", che assomma più della metà delle vendite complessive. Come potete vedere nel filmato, l'azienda ha presentato DiskStation Manager (DSM) 4.2, la nuova versione del sistema operativo (firmware) per chi ha DiskStation o RackStation x09 e successivi (scaricabile dal sito di Sinology), ma ha riposto anche molta attenzione al comparto mobile.

Sono tante le applicazioni per iOS e Android che permettono d'interagire con i NAS Synology, mentre ce ne sono di meno su Windows Phone. Chloé non ci ha svelato cosa bolle in pentola, ma non ha escluso che il numero di applicazioni compatibili con il sistema operativo di Microsoft possa crescere in futuro.