Hardware

Western Digital OptiNAND rivoluzionerà gli Hard Disk del futuro

Western Digital, in occasione dell’evento HDD ReImagine, ha presentato una nuova architettura basata su tecnologia Flash per HDD, chiamata OptiNAND, che sfrutta la tecnologia flash iNAND per ottimizzare gli hard disk meccanici. Grazie all’impiego di attuatori a triplo stadio (TSA) e alla tecnologia HelioSeal, le unità basate su OptiNAND saranno in grado di offrire capacità sino a 2,2TB per piatto magnetico, ampliando ulteriormente lo spazio offerto dalla precedente tecnologia ePMR.

Credit: Western Digital
Western Digital OptiNAND

Ed Burns, Research Director for Hard Disk Drive in IDC, ha affermato:

Western Digital ha una lunga tradizione di innovazione nell’architettura degli hard drive: ad esempio HGST (ora parte di Western Digital) fu la prima nel 2013 a sigillare e spedire le unità HDD a elio. Guidata dalla crescita dell’Intelligenza Artificiale, del Machine Learning, del blockchain, dell’IoT, dei sensori e molto altro, l’innovazione nello storage è necessaria per memorizzare e proteggere la mole crescente di dati, soprattutto su larga scala. Come unica azienda che produce sia flash che HDD, Western Digital può sfruttare in modo unico le proprie potenzialità interne per estendere la curva di densità areale delle unità ePMR per le esigenze future, aiutando i clienti a soddisfare le crescenti necessità di un’economia digitale.

Billy Chen, Vice Presidente di New H3C Group e Presidente della linea di prodotto Compute e Storage, ha aggiunto:

Questa nuova architettura rappresenta un ulteriore sviluppo dei punti di forza e delle potenzialità di Western Digital, che arricchisce la propria offerta con una nuova evoluzione per il mercato dello storage. Siamo stati i primi a adottarla e possiamo testimoniare come la tecnologia OptiNAND sia straordinaria: siamo certi possa aiutarci a soddisfare le nostre esigenze di storage anche in futuro.

Credit: Western Digital
Western Digital OptiNAND

Ecco le caratteristiche fondamentali della tecnologia OptiNAND:

  • Capacità: l’unità funziona in maniera più smart, con migliorati algoritmi del firmware che si avvantaggiano dei metadati estesi, scaricati sulla tecnologia iNAND. Questo consente più tracce per pollice (TPI) aumentando di conseguenza la densità areale.
  • Livelli di performance: la latenza dell’unità è migliorata grazie alle proprietarie ottimizzazioni a livello del firmware dell’unità che prevedono la richiesta di un minor numero di refresh delle interferenze delle tracce adiacenti (ATI) e la riduzione della necessità di flush della cache di scrittura nella modalità abilitata alla scrittura.
  • Affidabilità: può essere conservata una quantità di dati superiore di quasi 50 volte nel caso di uno scenario di spegnimento di emergenza (EPO), e grazie alle potenzialità uniche di Western Digital nell’offerta di soluzioni integrate verticalmente, nello sviluppo, nella progettazione, nel test e nella qualificazione delle unità flash-enhanced, i clienti possono contare sull’affidabilità dell’unità.

I primi prodotti basati sulla tecnologia OptiNAND saranno annunciati nel corso di quest’anno.