Software

Windows 8, l’arma finale contro i pirati è cloud

Windows 8 combatterà la pirateria a colpi di cloud. Secondo indiscrezioni da prendere con tutte le cautele del caso, Microsoft implementerà funzionalità di sicurezza per combattere la pirateria basate su servizi cloud. Secondo Rumorpedia, Microsoft sta considerando una nuova strada per gestire file importanti del kernel Windows.

Windows 8 sincronizzerà un paio di file del kernel direttamente con i server cloud di Microsoft, impedendo non solo la pirateria (almeno temporaneamente), ma consentendo anche aggiornamenti istantanei di sistema per alcune componenti (senza richiedere un riavvio)”, scrive il sito web.

“Se la vostra connessione morirà, Windows userà un file kernel di backup immagazzinato nel vostro computer, quindi Internet non sarà richiesto. Quando lo avvierete per la prima volta Windows 8 proverà a stabilire una connessione con i server di Microsoft per scaricare i file più recenti”.

Una tecnologia di questo genere potrebbe non essere così impensabile: la maggior parte dei PC si connette a Internet e nel caso non ci si possa collegare, c’è la soluzione alternativa. Più che problematiche tecniche, ci vengono in mente possibili scontri ideologici, tra coloro che accetterebbero questa soluzione e chi potrebbe non gradire che Microsoft guardi nel proprio computer – anche se il funzionamento, almeno ipoteticamente, dovrebbe essere simile a Windows Update.

“Se Microsoft implementasse questa funzionalità, a seconda di quanto regolarmente aggiornano i file kernel sul server, potrebbe essere un serio ostacolo per i pirati. Forse sarebbe possibile piratare Windows 8 per l’uso online, ma nell’era di Internet ciò lascerebbe molto a desiderare”, ha commentato il sito Neowin.net.

È questa la soluzione finale contro la pirateria di Windows? Fateci sapere. Nel mentre vi ricordiamo che il sistema operativo secondo indiscrezioni è previsto per il 2012 (Windows 8 nel 2012? Imprese, ago della bilancia) e potrebbe essere incentrato su cloud e virtualizzazione (Windows 8 con il desktop virtuale, tutto cambierà, Windows 8: Live nel cuore, cloud nella testa). Steve Ballmer l’ha definito il prodotto più rischioso della storia di Microsoft (Windows 8, un rischio per Microsoft: non può fallire!).