Tom's Hardware Italia
Android

Android 9 Pie è ufficiale, parte roll-out sui Google Pixel

Google ha annunciato il rilascio della prima versione definitiva di Android P, che ha finalmente un nome ufficiale. L'azienda di Mountain View l'ha infatti denominata "Pie", rendendola disponibile da oggi per gli smartphone Pixel di prima e seconda generazione.  Il primo aspetto su cui si sofferma Google è l'integrazione dell'intelligenza artificiale, divenuta ormai una sorta […]

Google ha annunciato il rilascio della prima versione definitiva di Android P, che ha finalmente un nome ufficiale. L'azienda di Mountain View l'ha infatti denominata "Pie", rendendola disponibile da oggi per gli smartphone Pixel di prima e seconda generazione. 

Il primo aspetto su cui si sofferma Google è l'integrazione dell'intelligenza artificiale, divenuta ormai una sorta di "must-have" in ambito smartphone. Com'è possibile leggere nel comunicato stampa, Android 9 Pie è stato progettato "in modo che impari dall'utente".

schermata 2018 05 09 alle 13 18 47 05a6164a1cf24ae483896298b5853bc62

Dall'anticipare la prossima attività al fornire più batteria alle app maggiormente utilizzate fino ad aiutare l'utente a disconnettersi dallo smartphone a fine giornata, Android 9 si adatta ai diversi utilizzi. Insomma, il machine learning all'ennesima potenza.

In tal senso, Android Pie introduce due nuove funzionalità, denominate Actions e Slices. La prima, come suggerito dal nome, sta ad indicare le azioni che potranno essere avviate dall'utente dal launcher stock, attraverso una piccola riga posizionata al di sotto della applicazioni consigliate.

schermata 2018 05 09 alle 13 20 07 234d2fcec61a4628a24f7fff15ff38e10

La seconda invece consentirà di accedere velocemente a determinate funzionalità, semplicemente ricercandole all'interno di Google Search. Di fatto, entrambe si alimenteranno nel tempo a seconda di quello che sarà l'utilizzo specifico dello smartphone da parte dei singoli utenti. Il machine learning, appunto.

Leggi anche: Guida all'acquisto dello smartphone

Sempre con l'ausilio dell'intelligenza artificiale, Android P introduce le funzionalità Adaptive Brightness e Adaptive Battery. La prima rappresenta una nuova declinazione dei semplici sensori di luce ambientale, con la luminosità dello schermo che sarà adattata automaticamente in base alle abitudini degli utenti e alle condizioni esterne.

Schermata 2018 05 09 alle 13 19 27

Con la seconda invece, secondo quanto dichiarato da Google, si riuscirà ad ottenere un notevole incremento della batteria. L'Adaptive Battery infatti consente allo smartphone di apprendere quali applicazioni vengono utilizzate maggiormente e quali di meno, destinando a queste meno risorse hardware e limitando di conseguenza l'uso e il "risveglio" della CPU.

Android 9 Pie porta con sé anche una serie di novità sotto il cofano, come abbiamo già avuto modo di raccontarvi in un nostro precedente articolo. Peraltro, alcune funzionalità come quelle legate al "benessere digitale" arriveranno in autunno, presumibilmente a bordo della nuova generazione di smartphone Pixel.

143859 phones news android p is official google reveals features launches dev preview image1 xdwzp8qpvj

In ogni caso, la versione definitiva di Android 9 Pie arriverà anche sui dispositivi degli altri brand inclusi nel programma Beta entro la fine dell'autunno. Tra questi ricordiamo il Mi Mix 2S di Xiaomi, il Nokia 7 Plus, il Sony Xperia XZ2, l'Essential Phone, l'Oppo R15 Pro, il One Plus 6, il Vivo X21, il Vivo X21 UD.

Vi rimandiamo al nostro articolo su Android P, nel quale abbiamo approfondito tutte le novità sulla nuova major release del robottino verde. Inoltre, Google ha attivato anche una pagina ufficiale per maggiori informazioni.


Tom's Consiglia

Xiaomi Redmi 5 Plus è uno smartphone caratterizzato da un ottimo rapporto qualità prezzo. Equipaggiato con lo Snapdragon 625 accoppiato a 4 GB di RAM e a 64 GB di storage, è disponibile all'acquisto attraverso Amazon a meno di 200 euro. Lo trovate a questo link.