Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Android

ASUS ZenFone 4 e 4 Pro, la nostra anteprima

Pagina 1: ASUS ZenFone 4 e 4 Pro, la nostra anteprima

Nella giornata di ieri, ASUS ha ufficialmente portato in Italia la nuova gamma di smartphone ZenFone 4. Abbiamo partecipato all'evento che si è tenuto a Roma, presso il Convention Center – La Nuvola, progettato dal noto architetto Massimiliano Fuksas. Questo ci ha permesso di passare un pò di tempo con i dispositivi, e oggi vi raccontiamo le nostre prime impressioni sui due prodotti più interessanti della serie.

ZenFone 4

Partiamo innanzitutto dallo ZenFone 4. ASUS ci ha già fornito un esemplare definitivo, che proveremo in maniera approfondita nei prossimi giorni. Tenendo lo smartphone tra le mani, ci si rende immediatamente conto dell'ottimo lavoro svolto dall'azienda taiwanese in termini costruttivi. Il dispositivo è assemblato alla perfezione, e può contare su una scocca unibody in vetro (frontale e back cover) e metallo (frame laterale).

ZenFone 4

La variante cromatica che arriva in Italia è quella che vedete ritratta nelle fotografie, ovvero la Midnight Black. Una colorazione ben riuscita, soprattutto grazie ai giochi di luce garantiti dalla trama della back cover. Da segnalare anche come la dual-camera posteriore sia a filo con la scocca, per cui nessuna sporgenza. 

Le bande che nascondono le antenne per la connettività sono state posizionate in verticale sul frame laterale superiore ed inferiore. Si mimetizzano perfettamente con questa colorazione, senza essere invadenti da un punto di vista estetico.

ZenFone 4

In generale, questo ZenFone 4 non è certamente uno smartphone tra i più originali per quanto riguarda il design. ASUS ha optato per una scelta conservativa, mettendo da parte il trend dominante dei dispositivi borderless e concentrandosi evidentemente sull'ergonomia. Certo, la scelta del vetro per la parte anteriore e posteriore rende inevitabilmente il prodotto un pò scivoloso.

Leggi anche: ZenFone 4, i nuovi smartphone ASUS arrivano in Italia

Difficile poter esprimere già un giudizio sulle prestazioni. L'azienda taiwanese ha senza dubbio optato per una piattaforma hardware interessante, integrando il SoC Snapdragon 630 di Qualcomm accoppiato a 4 GB di RAM. La prima impressione è di uno smartphone molto reattivo, ma ci riserviamo un giudizio più approfondito in sede di recensione.

DSC01316 copia

Particolare attenzione è stata riposta nel comparto fotografico. Come detto, sul retro troviamo una dual-camera. Il sensore principale da 12 MP è stato realizzato da Sony (per la precisione si tratta dell'IMX 362), e può contare su pixel di ampiezza 1.4 µm, su un obiettivo con apertura f/1.8, sulla stabilizzazione ottica dell'immagine e su una messa a fuoco in 0,03 secondi grazie al sistema Dual Pixel PDAF.

Accanto al sensore principale della dual-camera troviamo ovviamente quello secondario. Si tratta di un 8 MP grandagolare a 120°, con un principio di funzionamento molto simile a quello visto, ad esempio, sugli smartphone LG. Da sottolineare anche la presenza del nuovo processore di immagine Qualcomm Spectra 160, su cui ASUS si è particolarmente soffermata in sede di presentazione.

ZenFone 4

Anche in questo ambito, difficile poter dare fin da subito un giudizio definitivo. I primi scatti che abbiamo realizzato mettono in evidenza un'ottima gestione dell'effetto bokeh, inevitabilmente facilitata dalla presenza dei due sensori. La resa in condizioni diurne sembra ugualmente convicente, mentre ho notato qualche rumore di troppo con poca luce. In ogni caso, vi sapremo dire di più in sede di recensione.

ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4 Pro
ZenFone 4
ZenFone 4 Pro

Ho apprezzato particolarmente la nuova interfaccia ZenUI 4.0. ASUS ha operato un lavoro di restyling grafico che, pur mantenendo l'elevato grado di personalizzazione rispetto ad Android Stock, consente di avere una più convincente integrazione con il design software pensato da Google per il robottino verde.

ZenFone 4
ZenFone 4
ZenFone 4

Infinite, la confezione di vendita italiana, esattamente quella che vedete ritratta nelle immagini. Oltre allo smartphone e alla solita manualistica, ci saranno: un caricabatteria da 2A, auricolari in-ear e un cavo dati USB-USB TypeC.

ZenFone 4
ZenFone 4
ZenFone 4
ZenFone 4

ZenFone 4 sarà in vendita a 499 euro, una cifra senza dubbio importante per un medio-gamma. La sensazione però è che lo street-price possa scendere velocemente, e questo potrebbe rappresentare la chiave di volta per il successo commerciale di questo smartphone. Staremo a vedere, in ogni caso nei prossimi giorni pubblicheremo la nostra recensione.