Windows

Microsoft: Surface Pro è un PC, non confrontatelo con iPad

Microsoft ha risposto alle critiche dirette al Surface Pro, in particolare la scarsa durata della batteria e lo spazio occupato dal sistema operativo, applicazioni preinstallate e partizione di ripristino. Aspetti che hanno segnato le recensioni uscite nei giorni scorsi, e che rischiano di compromettere il successo del prodotto. A gestire la patata bollente ci ha pensato Panos Panay (direttore del Surface Team, Microsoft), che ha partecipato a una sessione di domande e risposte sul popolare sito Reddit.

"Se lo confrontiamo, per esempio, con il MacBook Air, è facile vedere che a parità di peso e durata della batteria, ci sono ottimizzazioni in Surface che lo rendono il migliore della classe. Detto questo, abbiamo scelto una batteria più piccola per […] mantenerlo sottile. Così il peso è rimasto inferiore al chilogrammo. Scelte di questo tipo sono tanto sfide quanto opportunità, e crediamo che, considerando l'esperienza e le prestazioni, (il Surface Pro) sia un prodotto eccitante".

Panay risponde quindi a chi ha trovato l'autonomia del Surface Pro scadente, ma fa anche qualcosa in più: lo confronta con un MacBook Air, e non un iPad. Da questo possiamo dedurre che per l'azienda di Redmond il termine di paragone sono i computer portatili più sottili e leggeri, vale a dire gli ultrabook.

Una chiarificazione importante, perché esiste una certa ambiguità a riguardo, tra chi lo vede come un tablet (da confrontare con l'iPad) e chi come un PC. Per Microsoft la scelta giusta è la seconda. Questa dichiarazione da sola non metterà a zittire le discussioni, ma è certamente di aiuto.

È vero anche che Panay ha preso come esempio uno dei computer con la peggiore autonomia in circolazione, nell'ipotesi che si riferisse al MacBook Air da undici pollici. Un piccolo peccato, commesso per mettere in luce migliore il proprio prodotto – lo fanno tutti i produttori e non ci sembra grave, ma è doveroso rilevarlo.

Quanto all'autonomia, infine, Panay ha suggerito che in futuro potremmo vedere docking station per il Surface Pro con batterie aggiuntive – prodotte da Microsoft o altri. Il dispositivo ha infatti connettori assenti sulla versione RT, che dovrebbero essere in grado di trasferire la corrente per l'alimentazione.

###old2010###old

C'è poi la questione dello spazio: oggi i consumatori sono abituati a trovare disponibile tutto o quasi lo spazio riportato sulla confezione, quando comprano un tablet, ma il Surface Pro "tiene per sé" decine di gigabyte, e per alcuni è un problema. La questione è ancora una volta quella di decidere se si tratta di un tablet o di un PC: il problema è serio nel primo caso, e quasi irrilevante nel secondo – chi compra un PC sa bene che il sistema operativo e altri dati occupano una porzione anche sostanziosa del disco fisso.

"Abbiamo progettato Surface Pro affinché avesse la potenza di un Windows 8 completo, l'abilità di eseguire un veloce e semplice aggiornamento alla versione completa di Office, e la tranquillità di una partizione di ripristino presente sul dispositivo. (Inoltre) i modelli definitivi avranno 6-7 GB di spazio in più (rispetto alle informazioni circolanti)", spiega Panay, confermando di nuovo che il Pro è da considerare un PC.

"Quella dello spazio disponibile è una scelta di design, dura da prendere da parte del team di sviluppo" ha continuano il dirigente MS, spiegando che hanno preferito aggiungere la partizione di ripristino, immaginandosi un utente che si trova ad averne bisogno e senza prima aver realizzato di doversela preparare da solo. Anche perché chi non la vuole, può cancellarla senza grosse difficoltà, dopotutto.

Per chi vuole un computer leggero e flessibile con cui lavorare, lo spazio offerto dal Surface Pro potrebbe essere più che sufficiente. Anche noi in redazione abbiamo diversi portatili con SSD da 120 GB, e la cosa non è mai stata un problema. Tutto sta nel definire che si parla di PC e non di tablet, quindi.

Prendiamo nota del suggerimento: Microsoft Surface Pro è da confrontare con gli Ultrabook e non con i tablet. Perché è prima di tutto un PC x86 con Windows 8, e in secondo luogo anche un tablet. Stando così le cose, rileviamo che Panay non ha toccato il tema dell'ergonomia, e nessuno degli utenti di Reddit lo ha chiesto. Il Surface Pro è comodo da usare tenuto sulle gambe con la tastiera quanto un normale notebook, o una specie di incubo come sostiene qualcuno? Lo metteremo alla prova non appena ne avremo l'occasione.

Il rappresentante di Microsoft ha poi spiegato che l'azienda è al lavoro per risolvere la questione della risoluzione video e della connessione Wi-Fi. E ha anche specificato che il Pro ha altoparlanti migliori del Surface RT, grazie al maggiore spazio disponibile.