Android

Petal Search, non solo app: cerca di tutto sugli smartphone Huawei

Petal Search è il nuovo strumento di ricerca targato Huawei. Difficile dare una definizione precisa dell’applicazione. Fa praticamente di tutto: dalla ricerca delle applicazioni nei diversi store ad aggregatore di notizie. Un solo e unico posto dove poter cercare tutto ciò che desideriamo: musica, app, documenti, risultati sul web e molto altro. Insomma, un sistema di ricerca universale.

L’applicazione è scaricabile direttamente da AppGallery, lo store alternativo di Huawei. È disponibile anche come widget sugli smartphone del marchio cinese. Siamo riusciti a utilizzarlo senza alcun problema sia sul più recente P40 che su un più datato P20. Scopriamo insieme come funziona e cosa è possibile fare con Petal Search.

L’interfaccia è delle più semplici e intuitive. Appena si accede all’applicazione, ci si trova davanti la sezione “Per te” in cui vengono mostrate le notizie del giorno utilizzando la popolare app SQUID. Nella parte superiore (e nella seconda scheda) è disponibile la barra di ricerca da dove possiamo avviare qualsiasi tipo di ricerca. Semplicemente digitando una qualsiasi parola, verranno mostrati i risultati più pertinenti: mail e messaggi contenti la parola ricercata, contatti, impostazioni e applicazioni già installate.

Petal Search funge anche da sistema di ricerca per le applicazioni. Come ben sappiamo, AppGallery è ancora in fase di popolamento. Per cui, nonostante la sua rapida crescita, può capitare che sullo store ufficiale Huawei non siano ancora disponibili alcune delle nostre applicazioni preferite. Digitando direttamente nella barra di ricerca il nome dell’app che desideriamo, ci verranno mostrate le soluzioni alternative. Il funzionamento è lo stesso che abbiamo visto con TrovApp che – sugli smartphone basati su HMS – ci aiuta a trovare le app su altri store, come APK Pure.

Non finisce qui. Petal Search può essere utilizzato come una sorta di browser. Se i risultati ottenuti non ci soddisfano, possiamo continuare la ricerca direttamente sul web. Per farlo, Huawei ha scelto Qwant, il motore di ricerca francese che presta particolare attenzione al tema della privacy. La soluzione europea, dunque, rappresenta l’alternativa a Google Search.

C’è infine la sezione “Personale”. Qui troviamo la cronologia delle ricerche, la possibilità di attivare la modalità in incognito, le impostazioni e i download. Quest’ultima voce è particolarmente interessante in quanto ci mostra gli aggiornamenti disponibili per le applicazioni scaricate dagli stori alternativi. Dalle impostazioni, infine, possiamo decidere cosa cercare tramite Petal Search: app, contatti, messaggi, calendario, blocco note, email, impostazioni e musica.

In conclusione, Petal Search è uno strumento di ricerca avanzata che ci consente di cercare tutto ciò che vogliamo da un’unica schermata a prescindere che sia all’interno dello smartphone (come mail o contatti) o che sia all’esterno nel vasto mondo del web (come app e notizie).

Arrivato sul mercato a 799 euro, Huawei P40 è disponibile all’acquisto su Amazon a meno di 550 euro. Lo trovate a questo link.