Android

Prestazioni e autonomia

Pagina 3: Prestazioni e autonomia

Prestazioni e autonomia

huawei kirin 950 6

Si può dire molto riguardo ai componenti interni del Mate 8. Tanto per cominciare, al centro di tutto c'è il processore HiSilicon Kirin 950, nel nostro caso abbinato a 3 GB di RAM. È un processore che unisce quattro core ARM Cortex-A53 a 1,8 GHz, e altri quattro Cortex-A72 a 2,3 GHz. C'è anche un coprocessore chiamato "i5", che si occupa di molte attività secondarie e rappresenta il cuore di quello che Huawei chiama "Sensor Hub". C'è poi un modem LTE Cat 6, grafica Mali T880MP4 e processori d'immagine e vocali di nuova generazione. Tutto in un solo chip.

L'altro grande passo avanti del Kirin 950 si deve al processo produttivo FinFET, che permette di consumare meno energia senza sacrificare le prestazioni, vale a dire aumentare l'efficienza; è possibile "impilando" i transistor verticalmente oltre che orizzontalmente. Secondo Huawei questo permette di aumentare le prestazioni del 40% e allo stesso tempo ridurre i consumi del 60%. Un miglioramento che, a conti fatti, secondo l'azienda garantisce 10 ore di autonomia in più con una batteria da 3.500 mAh.

huawei mate 8 27

Cosa significa questo in termini di uso quotidiano, con il Mate 8? Beh, prima di tutto prendiamo in considerazione la batteria da 4.000 mAh, il 33% in più rispetto a quella del Nexus 6P. Ma ci sono anche meno pixel sullo schermo 1080p, e anche questo fa risparmiare energia. Inoltre il nostro modello internazionale ha una minore attività radio.

L'insieme produce un risultato impressionante, a cui dobbiamo aggiungere anche la funzione Doze di Android 6.0, che riduce al minimo le attività del telefono quando è possibile. Di fatto diventa possibile usare il telefono anche per qualche giorno, se si fa attenzione a come lo si usa. Aggiungeremo il prima possibile il dato di confronto con gli altri smartphone come facciamo solitamente. Abbiamo preferito non aspettare questi test in quanto l'autonomia non è di certo un problema.