Apple

Xbox Music su iPhone e Android: Microsoft le suona a tutti

Microsoft ha portato Xbox Music anche su iPhone e Android, espandendo il proprio servizio musicale in abbonamento ai due sistemi operativi mobile più diffusi; fino a ieri invece era accessibile solo su Windows Phone. Restano invariati i prezzi: 9,99 euro al mese oppure 99,99 euro l'anno.  

Il servizio è del tutto simile a Spotify, Deezer e altri. Una volta sottoscritto l'abbonamento si potrà ascoltare musica senza limiti sui dispositivi come smartphone, PC e console Xbox 360 e Xbox One, oltre che da browser web. Per chi ha Windows 8, inoltre, il servizio è integrato nel sistema operativo come applicazione preinstallata, e si può usare gratuitamente per sempre – con alcuni limiti. Per chi ascolta tramite browser web, invece, l'ascolto è gratuito

Xbox Music è identico nel prezzo tanto a Spotify quanto a Deezer, anche se quest'ultimo offre anche una versione solo Web a 4,99 euro al mese, utilizzabile da browser. Qualcun altro potrebbe poi trovare interessante Google Play Music, che costa 7,99 euro fino al 15 settembre – dopo il prezzo sarà lo stesso degli altri; in più permette di aggiungere i propri brani all'archivio, nel caso si possieda qualcosa non presente in catalogo.

Infine ma non ultimo, sta per entrare in partita anche Apple, che ha aggiunto a iOS 7 la funzione iTunes Radio. Questa novità non è ancora attiva nell'attuale versione del sistema operativo, ma dalla descrizione che ne fa l'azienda sembra proprio che anche Apple avrà il proprio servizio di streaming. Resta da vedere il prezzo.

D'altra parte non è solo sul prezzo che si fa competizione: agli utenti interessano anche il buon funzionamento delle applicazioni, l'estensione del catalogo, l'efficacia della ricerca, la possibilità di scaricare brani per ascoltarli offline, la qualità audio e tanto altre cose. Nei prossimi anni vedremo chi vincerà questa partita: quali sono secondo voi le carte vincenti di Microsoft?