Giochi PC

Fortnite, un giocatore insoddisfatto mangia una giftcard PS4 in segno di protesta contro Epic Games

Lo sappiamo, Epic Games e Fortnite sono tanto popolari quanto impopolari, anche tra i giocatori stessi del battle royale. Inoltre, essendo questo internet, tutti sono pronti a scagliarsi contro i grandi nomi e a criticare quanto realizzato dagli sviluppatori. Un esempio è AuraxisKnight, un giovane utente di Reddit. Il ragazzo, in passato, aveva promesso che, se Epic Games avesse mai inserito una zona all’interno del battle royale dove fosse impossibile costruire, avrebbe mangiato una giftcard per PlayStation 4. Be’, è proprio ciò che è accaduto.

Come probabilmente saprete, con l’arrivo dell’aggiornamento contenuto numero 1 dell’update 10 di Fortnite, Epic Games ha inserito all’interno dell’isola la Città Pinnacoli, una zona in stile Far West. Il setting non è la particolarità più rilevante, in questo caso: in questa area è infatti impossibile costruire. Memore della propria promessa, il giovane ha quindi mangiato una giftcard PS4, precisamente una tessera del PS Plus (chissà, forse ogni tipo di carta ha il proprio sapore unico).

As promised, me eating a PlayStation giftcard because epic added a no build zone from FortniteCompetitive

Non si può negare che il ragazzo sia stato coerente e onesto, ma il lato cinico di noi ci fa pensare che l’abbia fatto anche per mettersi in mostra. La motivazione, però, è in verità secondaria. Protestare, o per meglio dire, dare il proprio feedback da consumatore è lecito, ma la modalità scelta in questo caso è assolutamente senza senso.  Non crediamo che un pezzo di cartoncino possa fare male alla salute del ragazzo, ma se proprio si vuole far sentire la propria voce, sarebbe meglio trovare una via alternativa.

Voi cosa ne pensate? Vedete questo gesto come qualcosa di positivo, una dimostrazione di risolutezza, oppure solo come la sciocchezza di un ragazzino?

Se ci promettete di non mangiare la giftcard, potete acquistare un pacchetto di contenuti speciali per Fortnite a questo indirizzo.