Giochi PC

Hearthstone Il Gran Torneo, fail di Blizzard fra lag e bustine a pochi euro su iOS

Ieri vi abbiamo annunciato il debutto del Gran Torneo, la nuova espansione di Hearthstone che introduce più di 130 carte al celebre gioco di Blizzard. La software house aveva promesso che tutto sarebbe stato pronto per le 19.00 (ora italiana), ma la realtà è stata ben diversa.

Gran torneo

Fin dal tardo pomeriggio la massa di utenti che ha provato a collegarsi ai server di Blizzard ha finito per intasare il gioco, che di fatto è rimasto offline per la stragrande maggioranza degli appassionati.

Blizzard ha preso atto dei problemi e ha annunciato su Twitter una sessione di manutenzione straordinaria, durata più di un'ora. Nel frattempo i fortunati che riuscivano a collegarsi dovevano fare i conti con un lag mostruoso, che rallentava qualsiasi operazione, come la semplice apertura di una bustina.

Ciliegina sulla torta: la presenza sulla versione iOS di un pacchetto di carte da 7 bustine, al prezzo sbagliato di 2,99 euro. Un "regalo" reso disponibile innavertitamente e per un periodo di tempo limitato, ma diversi appassionati hanno fatto in tempo a fare incetta di bustine a un prezzo particolarmente conveniente.

hearthstone bug gran torneo
7 bustine a 2,99 euro? Un'offerta irripetibile!

Il bello (o il brutto) è che per correggere l'inghippo l'azienda si è limitata inizialmente a modificare solo il numero di bustine fornite, senza cambiare il numero visualizzato. In questo modo gli utenti che provavano ad acquistare il pack dopo l'intervento dell'azienda si sono ritrovati con 2 bustine, anche se il pulsante ne indicava 7, con conseguenti malumori e aperture di ticket nei confronti dell'assistenza clienti.

Purtroppo la nostra esperienza ci permette di confermare tutto quanto affermato finora, e sul piatto aggiungiamo due copie di una carta leggendaria trasformate in polvere erroneamente a causa del lag. Ovviamente noi volevamo trasformarne solo una in polvere, e abbiamo inviato un ticket a Blizzard.

###69239###

La prima risposta ricevuta è stata quella automatica, che ci ha informato "gentilmente" della nostra totale responsabilità per l'inconveniente accaduto. La seconda mail, giunta a breve distanza, era firmata dall'assistenza Blizzard, e ci ha spiegato d'ignorare il messaggio precedente.

"Ci è infatti stato comunicato giusto ora che il team di sviluppo del gioco sta al momento prendendo in considerazione la creazione di un sistema temporaneo per intervenire in via del tutto eccezionale in casi come il tuo", si legge nella mail, che di fatto conferma indirettamente i gravi problemi di ieri sera.

Purtroppo non sappiamo se riusciremo a tornare in possesso della nostra carta, o delle polveri necessarie per crearle, ma la speranza è l'ultima a morire. Per quanto riguarda Blizzard la speranza invece è che prima o poi riesca a imparare dai suoi errori, ma la sensazione di deja-vu è forte. Qualcuno ha detto Diablo 3?