Tom's Hardware Italia
Xbox One

Obsidian ci racconta The Outer Worlds alla Gamescom 2019

Alla Gamescom 2019 abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Obsidian e approfondito alcuni punti di The Outer Worlds, l'atteso RPG in arrivo a ottobre 2019.

The Outer Worlds è uno dei videogiochi più interessanti usciti quest’anno e uno dei giochi di ruolo a ottenere più nomination durante gli E3 Awards. Durante la Gamescom non abbiamo avuto il piacere di provarlo, ma in compenso ci è stata la possibilità di parlare con i ragazzi di Obsidian e fargli qualche domanda sul gioco in arrivo il 25 ottobre 2019 su Xbox One, PlayStation 4 e PC. Ricordiamo che su Xbox il titolo sarà disponibile al day one su Xbox Game Pass.

Intervista a Obsidian

Game Division: Da dove è venuta fuori l’idea di un gioco come The Outer Worlds, voi che avete sempre lavorato con il fantasy e il post-apocalittico?

Obsidian: Volevamo assolutamente sperimentare qualcosa di fantascientifico e ci siamo chiesto, che cosa potremmo fare con un titolo sci-fi? Come ci immaginiamo che sia il futuro prossimo? Da questo è nata l’idea The Outer Worlds

Game Division:  Sappiamo che nel gioco sono presenti diverse corporazioni, quante sono in totale?

Obsidian: Dovrebbero essere 10 corporazioni, ma nel gioco è possibile incontrare anche delle fazioni aggiuntive, quindi c’è molta varietà da questo punto di vista.

Game Division: Avete detto che i compagni possono decidere di seguirci qualora facessimo qualcosa che non gli piaccia, è possibile che ci attacchino anche?

Obsidian: Dipende da quello che si fa, in casi di estrema rabbia il compagno può sicuramente attaccare, si. Ricorda molto il sistema di companion già visto in Fallout New Vegas.

Game Division: Per la storia vi siete ispirati a libri come a Guida Galattica per gli Autostoppisti?

Obsidian: Beh The Outer Worlds è un titolo che mischia humour e dark, quindi si, ci siamo ispirati a quello, ma anche a opere cinematografiche e/o televisive come Firefly.

Game Division: La difficoltà del gioco sarà dinamica? O sarà possibile selezionarla?

Obsidian: In realtà entrambe. C’è la possibilità di scegliere una difficoltà, anche a partita in corso, ma i nemici si adattano comunque al livello del vostro personaggio. Ovviamente più sarà alta la difficoltà, più ci sarà la possibilità di trovare equipaggiamento più potente.

Game Division: Il potere del personaggio è solo quello di poter rallentare il tempo? O può fare altro?

Obsidian: la vicenda di gioco permette al personaggio di poter vedere tutto a rallentatore, così come un eventuale companion, così da poter mirare e sparare più facilmente ai nemici nelle situazioni più difficili e complicate. Oltre a questo, no, non ci saranno altre abilità particolari, a parte una serie di caratteristiche applicabili al personaggio stesso.

Game Division: Ci sono tante armi all’interno del gioco e anche molto varie da quello che abbiamo visto vero?

Obsidian: Si assolutamente! Abbiamo puntato tanto sulle armi e sulla varietà. Potete utilizzare armi da mischia, da fuoco, esplosivi e tantissimo altro.

Game Division: Le versione mid gen come Xbox One X e PlayStation 4 PRO riceveranno aggiornamenti? E se si, di che tipo?

Obsidian: Si, entrambe le console riceveranno degli aggiornamenti dedicati per migliorare la qualità grafica. Xbox One X dovrebbe puntare al 4K nativo, ma essendo il gioco ancora in sviluppo, non possiamo confermarvelo con esattezza.

Game Division: Vi ringraziamo per il tempo che ci avete concesso e buona fortuna per il lancio del gioco.

Per quanto riguarda noi non resta che attendere una eventuale prova del gioco o quantomeno la versione finale che arriverà a ottobre insieme alla nostra puntuale recensione. Continuate a seguire con noi Gamescom 2019.